Working on the terrain III

Si si Sono ancora vivo, almeno per ora. Sono nell’ultima fase del mio dottorato, sto scrivendo la tesi e queste settimane / mesi sono pazzeschi. Trovo a malapena il tempo di prendere i pennelli. Spero che la tempesta finisca presto e che possa riprendere il mio hobby, mentre continuo a fare i miei primi passi nel mondo dei mitocondri. Tuttavia, i miei pennelli non sono completamente abbandonati in questi giorni. Devo disconnettermi un po’ dall’irrequietezza di questi giorni e la pittura è una grande tecnica di meditazione. Ecco perché ti posto un nuovo articolo su come costruire le basi per le nostre miniature o diorami. Non è la prima volta che discuto questo argomento nel mio blog. Ho già spiegato in diverse occasioni come utilizzare diversi tipi di substrato o ‘terra’, incluso come fare fango ,come lavorare il terreno con diversi tipi di sabbia e argille e come ottenere una texture realistica e dipingerla con l’aerografo . Inoltre, ho anche affrontato la creazione di una texture per la pavimentazione usando semplicemente i pigmenti. Nella maggior parte di questi esperimenti ho mescolato la sabbia con la colla bianca per creare una pasta che viene poi spalmata sulla base o ho usato la sabbia per creare una texture casuale e realistica che ho poi aerografato o arricchito con pigmenti e smalti. In questa occasione ho seguito un’idea simile, ma allo stesso tempo diversa. Ho usato direttamente il substrato o la sabbia, non verniciato, e quindi aggiunto sottili cambiamenti di colore con i filtri a olio. Alla fine, ho aggiunto la vegetazione. Un poco di segatura verde molto fine, seguita da una buona varietà di arbusti. Infine, per spezzare ulteriormente la monotonia, ho aggiunto alcuni rampicanti verde scuro la cui forma e consistenza sono in netto contrasto con il resto.

Working on the terrain III

Prima di continuare, vorrei spiegare un po’ la storia dietro questo diorama. Ho avuto l’onore di preparare la copertina per il nuovo numero di Wargames: Solders & Strategy, il cui tema era ‘raid durante la guerra civile americana’. Devo dire che ho dipinto pochissime miniature di questo periodo, anche se è vero che ho iniziato a sviluppare la mia tecnica per i 15 mm dipingendo con mio fratello un gigantesco esercito sudista con le miniature della Old Glory. Tuttavia, questo deve essere successo più di 10 anni fa. E da allora, non ho mai più toccato l’argomento. E meno che mai in 28 mm. Pertanto, mi ha fatto molto piacere ricevere un tale incarico. È sempre bello ‘riscoprire’ un periodo storico, che altrimenti non si andrebbe a toccare per vari motivi. Quando mi hanno raccontato la storia della copertina, mi sono subito ricordato di un libro sull’argomento che ho letto diversi anni fa. Curiosamente, questo libro è stato uno dei primi libri antimilitaristi, se non il primo: Il segno rosso del coraggio, di Stephen Crane(1895). Fino a quel momento, la guerra in generale era stata affrontata da un punto di vista romantico e vista come qualcosa di glorioso ed eroico. Tuttavia, Stephen Crane (che non ha partecipato a questo conflitto essendo nato anni dopo) racconta le esperienze di un soldato dell’Unione che decide di fuggire nel mezzo della battaglia, inorridito da ciò che vede. Nel suo vagare, troviamo, descritte con efficacia, la miseria, la brutalità e l’insensatezza della guerra. Personalmente, mi piacque molto questa lettura; che mi colpì profondamente. Così, come omaggio a questa opera, ho voluto provare a fare qualcosa di speciale con questa scena, tenendo conto dei limiti che ho (cioè, non so scolpire e devo attenermi a ciò che posso trovare sul mercato). Alla fine ho optato per un paio di vittime e un soldato ferito. I cadaveri sarebbero in prima linea … come promemoria dell’inutilità e delle conseguenze della guerra.

Working on the terrain III

Ma torniamo al diorama. In questa occasione ho voluto integrare le basi delle miniature direttamente nel diorama, invece di lasciare ogni miniatura con la sua base rimovibile (come nei miei diorami precedenti). In questo modo, la prima cosa che ho fatto è stata dipingere tutte le miniature. Il colore blu è uno dei più piacevoli da dipingere; e usando principalmente il colore Blu Navy di Scale Color e il blu opaco di Vallejo, ho ottenuto entrambi i colori per la giacca e i pantaloni dell’uniforme dell’Unione, che ha continuato a essere l’uniforme di lana dell’esercito americano. Al contrario, l’esercito sudista utilizzava una versione di cotone più leggera e di colore grigio, soprattutto considerando che il clima nel sud è più caldo e il suo surplus di questa materia prima. Tuttavia, a causa dell’azione dell’Esercito del Nord, il Sud aveva un accesso molto limitato alle diverse risorse; e quindi, il suo esercito potrebbe essere mal vestito. Una soluzione adottata da molti era quella di usare abiti civili. Altri indossavano uniformi blu catturare al nemico e tinte con estratto di ‘zucca’(butternut) ottenendo un colore marrone, battezzando detta uniforme come butternut . Nella rivista WSS puoi trovare alcuni trucchi su come dipingere l’uniforme blu dell’Unione, ma almeno qui vorrei lasciarti lo schema:

 

Working on the terrain III

Una volta dipinte le miniature, ho iniziato a lavorare la base. Poiché la base di legno non è arrivata in tempo, ho dovuto cercare un’alternativa. Alla fine, ho trovato un DVD con i dati della mia tesi, che sarebbe perfetto per me come un supporto rotondo di 12 cm di diametro. I diorami con superfici piatte sono in qualche modo monotoni e talvolta anche noiosi. Per evitare questo problema, con forex o PVC espanso da 3 mm ho creato un secondo livello nella parte posteriore. L’idea era di mettere i soldati dell’Unione nella parte alta. Questo leggero cambiamento di livello crea un po’ di volume per spezzare la monotonia e avvicinare la vignetta a una scena realistica. Per creare le altezze e coprire i bordi delle basi delle miniature ho usato un po’ di stucco da modellismo. Alla fine, ho aggiunto alcune pietre qua e là, sole o in gruppo.

Working on the terrain III

Se ricordi, la mia idea era di incollare direttamente il substrato o il terreno e usarlo così com’è, senza dipingerlo. Ciò significa che dobbiamo usare un colore ‘scuro’ come base per evitare che i possibili ‘buchi’ che si ottengono dopo aver incollato la sabbia lascino alla luce il colore bianco del CD / forex o il giallo dello stucco. A tale scopo utilizza un colore marrone scuro, come il marrone cioccolato, e applicare uno strato omogeneo su tutta la base con un pennello. L’unico dettaglio che ho dipinto erano le pietre, alle quali ho applicato un paio di pennelli a secco, prima con un marrone chiaro e poi con avorio.

Working on the terrain III

Ora possiamo aggiungere il substrato o la sabbia. Avremo bisogno di due cose. Innanzitutto, ovviamente, la sabbia. Qui puoi vedere come ho ottenuto la mia. In secondo luogo, avremo bisogno di una colla liquida per applicarla, come Sand & Gravel Glue da AMMO di Mig Jimenez. Rispetto alla colla bianca, questa colla evaporando non lascia traccia, lasciando la sabbia così come è stata applicata. Al contrario, la colla bianca forma normalmente una massa trasparente che può inghiottire la sabbia e provocare una superficie piana. Pertanto, con questa colla liquida otterremo una trama pulita e realistica. La procedura da seguire può essere suddivisa in due fasi. Innanzitutto, con l’aiuto di un pennello spalmiamo la colla su tutta la superficie, dopo di che iniziamo ad aggiungere con attenzione la sabbia. Dopo aver atteso 10 minuti, rimuoviamo la sabbia in eccesso e con una pipetta di plastica aggiungiamo un secondo strato di colla liquida, facendo attenzione a non toccare la sabbia. Quindi spruzziamo un po’ più di sabbia in quelle aree che ci interessano, come le aree vuote o poco coperte.

Working on the terrain III

Dopo aver aspettato che la colla evaporasse del tutto (alla fine ho usato un essiccatore per accelerare il processo), ho ottenuto una trama e un colore molto realistici; come ci si aspetterebbe, poiché abbiamo usato direttamente un prodotto estratto dalla natura così com’è. Non è necessario dipingerlo o applicare dry brush, come si fa normalmente. Inoltre, guarda un altro grande vantaggio: abbiamo incollato le miniature dall’inizio e, seguendo questo metodo, non abbiamo rovinato il colore. Questo di solito accade quando seguiamo il metodo classico del ‘pennello asciutto’, poiché è molto facile sbagliare e dipingere su stivali o pantaloni. Facile, ‘veloce’ e realistico. Non possiamo aspirare a niente di meglio! Infine, ho incollato i particolari (cappelli, fucile, etc.) alla base con un poco di colla bianca o cianoacrilato.

Working on the terrain III

Tuttavia, possiamo ancora migliorare ulteriormente questa base. Come? Non vogliamo perdere consistenza o colore. Pertanto, un’opzione sono i filtri: uno strato di vernice molto diluita per cambiare leggermente il colore della superficie. AMMO di Mig Jimenez ha una buona collezione di filtri pronti per l’uso. Basta aprire la boccetta e applicarli. Nel mio caso ho scelto circa 3 o 4 colori, tra cui diversi toni di marrone e verde. Il colore verde è uno dei più importanti nel nostro caso. Con questo colore non solo creeremo un grande contrasto per compensare l’eccesso di blu del diorama, ma creeremo anche il primo strato di vegetazione: muschio o piccole erbe. Per applicare i filtri utilizziamo semplicemente un pennello paffuto e applichiamo a caso un po’ di vernice qua e là. Non seguiamo alcuna logica. Per esempio, prima applichiamo un po’ di verde qui, e poi con un colore giallastro dipingiamo un’altra area che si mescola anche al verde appena dipinto. Cerca la casualità!

Working on the terrain III

Una volta che i filtri sono asciutti (sono smalti e ci vorrà del tempo), possiamo iniziare ad aggiungere il secondo strato di vegetazione. Nel mio caso, non mi piacciono troppo le erbe elettrostatiche tipo ‘peletti’. Invece, ho ereditato da mio padre una borsa con una specie di finissima segatura verde. Non so cosa farò quando l’avrò finita. Con un poco di colla bianca ho applicato questa segatura su diverse aree; Ancora una volta, senza alcuna logica. A volte coprendo le aree che ho dipinto di verde; altre volte no. Gioca con questa variante ed evita di coprire vaste aree che possono facilmente cadere nella monotonia.

Working on the terrain III

Infine, lavoriamo il terzo e ultimo strato di vegetazione: i cespugli. Ho usato tutto ciò che dovevo provare per ottenere il massimo livello di varietà possibile. Ho usato ‘ciuffi d’erba’ di diverse marche, colori e dimensioni; e li ho incollati a caso sulla base con un poco di colla bianca. Per aggiungere un’altra trama diversa, ho anche incollato alcuni pezzi di rampicanti della Army Painter. Controlla quante volte ho ripetuto la parola ‘casuale’ e ‘varietà’. Queste parole sono fondamentali quando si crea la vegetazione in un diorama.

Working on the terrain III

In sintesi:

Step 1 – Dipingiamo la base con un colore marrone scuro

Working on the terrain III

Passaggio 2: incolliamo la sabbia o il substrato con colla liquida Working on the terrain III

Passaggio 3: aggiungiamo alcune variazioni tonali con i filtri a olio Working on the terrain III

Passaggio 4: aggiungiamo un secondo strato di vegetazione con segatura verde o erba elettrostatica
Working on the terrain III

Passaggio 5: aggiungiamo un terzo strato di vegetazione con arbusti o ‘ciuffi d’erba’ Working on the terrain III

Infine, non riesco a smettere di raccomandare l’ultimo numero di Wargames: Solders & Strategy , dove oltre a molti altri articoli fantastici, puoi trovare un altro tutorial di pittura su come dipingere ‘guerrieri di strada’ della New York degli anni 70-80; ideali per il gioco NYC Street Wars della Funky Games .

Working on the terrain III

Working on the terrain IIIWorking on the terrain III

 

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.