WWI mark IV Flames of War

Sono passati quasi due anni da quando ho ricevuto diversi carri armati in 15mm della prima guerra mondiale da Battlefront Miniatures , e ho immediatamente iniziato a preparare un video tutorial per spiegare come dipingere un carro armato britannico Mark IV. Ho finito senza indugio la prima parte su come dipingere i colori di base e ho pubblicato il video (vedi sotto). Tuttavia, la scarsa qualità del video mi ha scoraggiato e ho rinunciato a registrare una seconda parte. Invece, misi il carro armato in una scatola con l’idea di comprarmi una nuova videocamera in futuro. Sfortunatamente, non ho avuto l’opportunità o il denaro per comprarne una nuova. E ora, la motivazione è venuta da un altro sito molto diverso: la beta del nuovo Battlefield I, dove sono riuscito a mettermi al volante di una di queste bestie e a distruggere con i miei cingoli qualsiasi cosa attraversasse la mia strada. Questo dimostra quanto sia importante la motivazione nel nostro hobby. Un libro, un film, un videogioco … ogni dettaglio è sufficiente per spingerci a prendere i pennelli, per dare forma alla nostra immaginazione e espanderla su ciò che abbiamo precedentemente sperimentato. Questo è uno dei motivi per cui amo questo hobby. Dopo aver giocato la beta mi sono ricordato di aver abbandonato questo povero carro armato nel dimenticatoio e mi sono deciso a finirlo. Dato che non ho ancora una videocamera decente, invece ho preparato con le foto un guida ‘passo passo’ per spiegare la seconda parte del tutorial: invecchiamento estremo dopo aver attraversato il pantano che spesso doveva essere il campo di battaglia della Grande Guerra.  

Nell’immagine seguente puoi vedere i colori e le vernici di cui avremo bisogno:

Colores tanque Mark I WWI

Parte I – Colori di base

Non intendo dilungarmi molto su questa parte, dal momento che il video è abbastanza esplicativo. Ma vorrei ricordare l’importanza dei vari tipi di vernice a seconda della loro base: acrilici e smalti (un altro problema è la differenza tra vernice opaca, satinata e lucida, ma questo è stato più volte affrontato in altre voci di blog). – Come promemoria, le vernici acriliche si diluiscono con l’acqua; mentre gli smalti, con solvente. E in linea di principio, entrambi i tipi di vernice sono completamente immiscibili-Per quanto riguarda la vernice, come sicuramente molti già sanno, applichiamo sempre una mano di vernice prima di iniziare ad applicare tutti gli effetti dell’invecchiamento, che fondamentalmente sono realizzati con smalti: abbiamo bisogno di proteggere il lavoro fatto in precedenza dalle tecniche più aggressive che prevedono l’uso di smalti. Questo significa che dobbiamo utilizzare una vernice del tipo opposto, appunto l’acrilico, che è resistente ai solventi che utilizziamo con gli smalti. Se abbiamo utilizzato uno smalto, quando andremo a applicare l’invecchiamento con gli smalti, il solvente rovinerà il lavoro fatto in precedenza. Gli smalti si diluiscono nel solvente e questo solvente può ‘eliminare’ gli altri smalti che sono stati precedentemente applicati (anche se già secchi!). Questo è il motivo principale per cui dobbiamo lasciare asciugare la miniatura almeno per una notte tra i vari i passaggi per l’invecchiamento in modo da evitare di perdere il lavoro fatto in precedenza. Questo potrebbe anche essere valido anche nel caso in cui si usano vernici; tuttavia, sono dell’opinione che sia meglio non rischiare. È molto più sicuro usare un colore acrilico prima di applicare qualsiasi smalto.

Questo è come il nostro veicolo viene rilasciato dalla fabbrica. Ho applicato una mano di vernice satinata con l’aerografo e ora è pronto per ricevere gli effetti dell’invecchiamento.

WWI mark IV

Parte II – Invecchiamento estremo

Abbiamo iniziato aggiungendo un po ‘di contrasto ai diversi pannelli con un lavaggio del tipo ‘smalto’ che aggiungiamo solo negli angoli (questi sono noti come “pin wash”) . Non applicare un lavaggio generale sull’intero modello! Se lo fai, la miniatura può essere troppo scura e non saremo in grado di recuperarla. Nel mio caso, ho utilizzato uno specifico lavaggio marrone scuro per veicoli verdi, A.MIG-1005. Assicurati di coprire tutti i rivetti con il lavaggio. Ad esempio, possiamo applicare il lavaggio verticalmente lungo ogni pannello rivettato verticale. Non preoccuparti se compi errori o sbavature perché l’eccesso di wash sarà rimosso.

WWI mark IV

Dopo aver lasciato asciugare la miniatura per circa un’ora, eliminiamo l’eccesso di lavaggio con un pennello inumidito nel solvente (White Spirit o essenza di trementina). Consiglio vivamente l’uso di solventi preparati per il modellismo. Possiamo trovare solventi più economici nei negozi cinesi, ad esempio; ma rischiamo che sia troppo forte e distrugga tutto il lavoro precedente. Normalmente ho usato un pennello a punta piatta per eliminare il lavaggio in eccesso, ma in questo caso ho preferito usarne uno a punta tonda per avere più controllo; soprattutto quando si rimuove l’eccesso attorno ai rivetti. D’altra parte, prova ad usare il pennello verticalmente, dando pennellate dall’alto verso il basso. Ciò creerà effetti di ‘scolatura’ uniformi. Tuttavia, non concentrarti ancora su questi effetti. È secondario in questo momento. E assicurati di non lasciare troppi lavaggi intorno ai rivetti. E se elimini il ‘lavaggio’, non ti preoccupare.

WWI mark IV

Una volta che il solvente dello smalto è evaporato (cioè la superficie non brilla più), possiamo continuare. Normalmente uso un acrilico marrone scuro, come Dark Oxide 302 (Vallejo) per ritoccare le zone dove ho rimosso il ‘lavaggio’ . In effetti, ciò è particolarmente importante in questo caso, poiché alcuni dei rivetti potrebbero non essere stati evidenziati avendo eliminato eccessivamente il lavaggio. Per risolvere questo problema, con un pennello sottile tracciamo una linea attorno a ciascun rivetto con questo colore. A seguire, servendoci di colori acrilici applichiamo le ‘scalfiture’. Nel mio caso ho usato solo il pennello per dipingerli, poiché il pennello offre un controllo assoluto. La tecnica della spugna è molto utile, ma è molto casuale e il controllo è quasi nullo. Questo è il motivo per cui preferisco usare solo il pennello. In ogni caso, ho seguito il metodo dei ‘due colori’ ossia ho usato un colore chiaro, ad esempio mescolando il colore verde del tank con un poco di bianco (o direttamente un colore beige come 917 Vallejo); e poi un colore scuro come Dark Oxide 302 (Vallejo). Ho già parlato a lungo sul blog su come dipingere le ‘scalfiture’, quindi puoi trovare maggiori informazioni qui e qui . In ogni caso, ricorda: a volte meno è meglio.

WWI mark IV

WWI mark IV

WWI mark IV

Il prossimo effetto dell’invecchiamento è quello delle ‘scolature’. Nei link precedenti puoi trovare maggiori informazioni su come ottenere questi effetti, quindi non lo ripeterò qui. In questo caso ho scelto tre prodotti della AMMO pronti per l’uso: striature di ruggine A.MIG 1204, sporcizia A.MIG-1203 e effetto ‘tracce di pioggia’ A.MIG-1208. Puoi aggiungere altro se vuoi; ma per me questi tre sono la base. Abbiamo un tono rossastro per rappresentare ruggine e sporco, un tono marrone-verde per la sporcizia in generale e una leggera sfumatura per la polvere. Cioè, con questi tre colori copriamo gli effetti più comuni che il nostro carro potrebbe avere subito sul campo di battaglia; e cosa più importante, indipendentemente dal colore di base del carro, usando questi tre colori otterremo sempre un certo contrasto. D’altra parte, uno degli errori più comuni che commettiamo quando dipingiamo ‘scolature’ è quello di dipingere linee troppo intense. Ma queste dovrebbero essere generalmente molto sottiliNon esagerare con l’effetto! Infine, possiamo usare questi stessi smalti per dare un po ‘di personalità alle aree orizzontali, dove ci sarebbero ‘scolature’ (tieni a mente il principio della gravità!!!). Dai un’occhiata a questo altro tutorial .

WWI mark IV

WWI mark IV

WWI mark IV

Se il veicolo ha alcuni accessori, come coperte o scatole di munizioni, ora è il momento di dipingerli (o aggiungerli!). Possiamo usare colori acrilici per dipingerli. È importante sfruttare questi accessori per ottenere più contrasto. E il modo migliore per farlo è scegliendo colori appropriati. Ad esempio, tieni d’occhio il tubo di scarico o il serbatoio del carburante. L’ossido è stato simulato usando diversi colori marroni e arancioni, e il risultato è molto sorprendente sulla superficie verde. Allo stesso modo, il colore giallastro di alcune coperte e della cassa attira molta attenzione. Per aumentare il contrasto, ho anche dipinto una coperta che copre parte degli accessori verdi, in modo che tutto sia omogeneizzato.

WWI mark IV

Fin dall’inizio volevamo simulare il fango. Tuttavia, il fango non è dipinto: è creato. Quindi dobbiamo andare avanti a poco a poco, lavorando strato dopo strato. La prima fase consiste nell’aggiungere un buon strato di polvere che simula il fango secco o la polvere di per sé. Per fare ciò iniziamo mescolando due pigmenti. Ad esempio, ho scelto Dark earth A.MIG-3007 e Europe earth A.MIG-3004 – un tono scuro e un tono leggero – con l’idea di generare un tono medio, ideale per rappresentare i campi della Francia. Possiamo preparare e conservare questa miscela in un contenitore, in modo che possiamo usarla in futuro. Ora, in un altro contenitore, sciogliere la miscela di pigmenti con White Spirit o trementina. Aggiungiamo solvente fino ad ottenere una consistenza simile a quella del caffè che beviamo al mattino. E ora, con un pennello, applichiamo la miscela sui cingoli, sulle aree circostanti e su qualsiasi altra area che pensiamo debba essere ‘coperta di polvere’. Prima di continuare dobbiamo aspettare che il solvente evapori, il che può facilmente richiedere una o due ore. Quindi rilassati e vai a vedere un film o fare una partita a Battlefield. Sotto puoi vedere ‘prima’ e ‘dopo’, dove il primo è quando la miscela è ancora bagnata e la seconda quando è già asciutta. Se non ottieni un risultato simile una volta che il pigmento è asciutto, significa che non hai messo abbastanza pigmento nel mix. Aggiungi altro e ripeti il ​​processo.

WWI mark IV

WWI mark IV

WWI mark IV

WWI mark IV

Una volta che il pigmento è completamente asciugato, rimuovere l’eccesso e ‘ammorbidire’ le zone dove si è accumulato con un batuffolo di cotone. Non applicare troppa pressione e assicurarsi che il pigmento sia completamente asciutto altrimenti rovini l’effetto.

WWI mark IV

Per simulare l’acciaio dei cingoli possiamo usare una matita di grafite . Abbiamo usato orizzontalmente per lasciare il pigmento della grafite solo sui rilievi dei cingoli.

WWI mark IV

Questo effetto polvere va bene se quello che stiamo cercando è solo polvere, ma noi vogliamo il fango! Il fango può essere simulato facilmente usando un colore scuro che rappresenta la terra umida, ma non vogliamo perdere completamente l’effetto polvere che abbiamo appena creato. L’idea è combinare entrambi gli effetti: secco e umido (o chiaro e scuro) per ottenere un effetto reale e sorprendente. Alcune aree saranno asciutte, mentre altre finiranno per essere spruzzate. Un modo per ottenere ciò è utilizzare uno smalto marrone scuro, come il fango fresco A.MIG-1402, e applicare gli effetti splash con un pennello a setole dure (puoi vedere come farlo in questo tutorial ). Ricorda che l’idea non è quella di coprire completamente l’intera superficie, ma vogliamo solo aggiungere un po’ più di contrasto qua e là. Il pigmento secco assorbe rapidamente lo smalto, quindi assicurati di non applicare troppo o l’intera area pigmentata si scurisce. Inoltre, puoi diluire un po’ di smalto con White Spirit per ridurne l’opacità. Applichiamo gli schizzi su tutto il veicolo, compresi i cingoli. Tuttavia, possiamo usare un pennello normale per aggiungere più fango ‘fresco’ specificamente sui cingoli, poiché quest’area sarebbe quella che dovrebbe essere più umida in quanto costantemente a contatto con il terreno.

WWI mark IV

WWI mark IV  WWI mark IV

Se vuoi, puoi fermarti qui. Ora il nostro carro armato sembra piuttosto sporco, come appena uscito da una battaglia. Tuttavia, se quello che vuoi è ottenere un effetto di fango più intenso, avremo bisogno di aggiungere dell’argilla testurizzata. Possiamo ottenere questo ultimo effetto ripetendo gli spruzzi, ma questa volta usando pigmenti invece di smalti. Prima di tutto, ho sciolto alcuni dei mix di pigmenti che abbiamo creato in precedenza con White Spirit. Questa nuova miscela dovrebbe essere molto densa, simile al burro: vedrai che è facile da maneggiare, ma rimane più o meno solida in ogni momento. Ora, con il pennello a setole dure applichiamo spruzzi con questa miscela, concentrandoci sui cingoli e le aree vicine. Questo passaggio rappresenterà gli spruzzi di fango secco. Ma per gli schizzi di fango umido avremo bisogno di una nuova miscela di pigmenti sostituendo il A.MIG-1402 al White Spirit ottenendo come risultato un un colore più scuro. Ripeteremo la stessa procedura con il pennello a setole dure, ma riducendo l’area in cui applichiamo i nuovi schizzi, poiché combiniamo nuovamente gli effetti secco e bagnato. Possiamo ripetere questo processo tutte le volte che desideriamo fino a ottenere l’effetto che stiamo cercando. Tuttavia, renditi conto che questa argilla strutturata è fragile e il pigmento può essere facilmente rimosso semplicemente toccando la miniatura. Se stai pensando di usarlo frequentemente nei tuoi giochi, potresti sciogliere i pigmenti con Pigment Fixer invece di usare White Spirit. Inoltre, puoi sempre applicare una mano di vernice alla fine; anche se molto attento, puoi rovinare l’effetto della polvere poiché il pigmento assorbirebbe l’acqua della vernice prima che si asciughi. Forse una soluzione del tipo ‘smalto’ sarebbe la soluzione… ma non l’ho mai sperimentata.

WWI mark IV

Versione “maschio”

WWI mark IV

WWI mark IV

WWI mark IV

Versione “femmina”

WWI mark IV

WWI mark IV

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation to Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.