Pintando unidades de caballeria - Painting mounted units

Odio dipingere cavalli. È un fatto. È ripetitivo e monotono. E non l’ho mai trovato divertente. Tuttavia, eccomi qui; continuo a dipingere cavalli (almeno una quarantina per il mio esercito della Guerra dei Trent’anni …). E non mi fermerò perché, anche se odio dipingere cavalli, le unità montate sono davvero impressionanti, no? Ad ogni modo, vorrei condividere con voi alcuni suggerimenti che ho imparato dopo aver dipinto diverse unità a cavallo, anche se devo ammettere che alcuni di essi sono opinioni personali. Ma sarai d’accordo con me sul fatto che non è lo stesso dipingere un singolo cavallo (per un Generale, ad esempio) o dipingere un’intera unità. Richiede un approccio diverso. Pertanto, discuteremo qui come dipingere le unità di cavalleria. E se odi dipingere cavalli come me, questo è il tuo post!

 

Thirty years war totentanz

Non ho intenzione di mostrare qui un passo alla volta su come dipingere i cavalli, ma vorrei condividere alcuni suggerimenti e discutere alcuni punti che trovo interessanti. E sebbene le miniature che mostro in questo post siano a 15 mm dalle Miniatures Totentanz , le idee che vedremo sono assolutamente applicabili quando dipingiamo scale più grandi.

Thirty years war totentanz

Quale vernice dovremmo usare per dipingere i cavalli?

I geni del cavallo portano ad un ampio spettro di colori che gli umani hanno denominato con nomi diversi, come baio scuro, il castagno, il dun, il palomino, il roan blu e così via. Nomi molto poetici ma non intuitivi. Per semplificare e facilitare questa guida alla pittura, questi diversi fenotipi possono rientrare in tre gruppi: chiaro, medio e scuro. Ad esempio, i colori rosso-marrone: castagno (chiaro), baio chiaro (medio) e baio scuro (scuro). E potremmo fare lo stesso osservando i colori giallo-marrone, bianco / grigio, ecc. Ovviamente tralascerò molte altre varianti, come cavalli con motivi o macchie punteggiati, ma vorrei renderlo il più semplice possibile. Ti consiglio di verificare innanzitutto i diversi colori dei cavalli su Internet o sui libri. E poi, scegli quattro o cinque colori che ritieni più facili da dipingere, che ti piacciono di più o qualunque cosa ti faccia sentire che dovessi acquistare un cavallo, prederesti quello. Di seguito puoi vedere le mie scelte accanto alle vernici che di solito utilizzo. Fondamentalmente, oltre al bianco (chiaro) e al nero (scuro), utilizzo tre colori medi (grigio, rosso-marrone e giallo-marrone) e un colore scuro (marrone scuro).

 

Thirty years war totentanz

Quali colori dovremmo usare quando dipingiamo cavalli di un’unità montata?

Abbiamo già scelto quali colori ci piacciono. Così che succede ora? Dovremmo dipingere l’intera unità con uno di essi? O dovremmo usarli tutti? A mio modesto parere né un singolo colore né tutti. Cerca di non dipingere ogni cavallo con un colore diverso perché, sebbene possa essere realistico, distoglierà l’attenzione dai soldati (la vera star dello spettacolo) e sinceramente lo trovo un po’ imbarazzante. Allo stesso modo, non utilizzare lo stesso colore per tutti. Vogliamo un po’ di contrasto nella nostra unità! Allora cosa? A questo punto, probabilmente hai notato che ripeto molto un colore nelle mie unità, il marrone scuro. Esattamente. Questo è il colore che mi piace dipingere di più (o in altre parole, il colore che trovo meno noioso da dipingere) perché amo i colori che richiede, è facile da evidenziare e contrasta molto bene con qualsiasi cosa sia montata su di esso. Pertanto, puoi scegliere un colore o in base a quanto è facile per te dipingerlo o in base a qualsiasi altro motivo. E useremo questo colore per dipingere metà dell’unità. Per esempio, nelle mie unità da 6, 3 cavalli sono sempre marrone scuro. Sempre. Se dipingere i cavalli è noioso, almeno cerca di renderlo il meno noioso possibile. D’altra parte, per dipingere i tre cavalli rimanenti, di solito scelgo altri due colori: dipingo due cavalli con il colore meno noioso e il rimanente con un altro colore. Se la tua unità è più grande di sei, puoi scegliere un quarto colore. Nota, non dobbiamo ripetere la stessa combinazione di colori e numeri nelle unità diverse. In realtà, grazie a questo trucchetto possiamo facilmente introdurre variazioni all’interno dell’esercito semplicemente combinando in modo differente il modo in cui sono dipinti i tre cavalli rimanenti. Ad esempio, l’unità ‘A’ può avere due cavalli grigi e uno nero mentre l’unità ‘B’ potrebbe avere due cavalli neri e uno giallo-marrone. Ciò rafforza la sensazione che ogni unità sia unica in tutto l’esercito, mentre l’uso di un numero limitato di colori (4-6 colori del cavallo) mantiene la coerenza dell’esercito.

 

Thirty years war totentanzThirty years war totentanz

Riassumendo, puoi dipingere la metà dell’unità con il colore più semplice da dipingere e gli altri cavalli con altri 2 o 3 colori diversi.  E non importa davvero quale colore scegli, perché tutti sono reali e quindi possibili. Ma prova a mescolare colori chiari e scuri nella stessa unità per renderlo più sorprendente. Ad esempio, in un’unità a 6 cavalli: 3 marrone scuro, 2 grigi e 1 bianco. D’altro canto, di solito, dipingo la criniera e la coda del cavallo con il nero. Tuttavia, devo dire che queste possono avere lo stesso colore dei peli del cavallo e che nei cavalli chiari di solito anche queste sono chiare. Tuttavia, mi piace il nero perché è così facile da dipingere e fornisce un po’ più di contrasto.

Thirty years war totentanz

Come prevenire la monotonia?

In questo post abbiamo parlato solo di colori semplici; e quindi, sebbene usiamo diversi colori semplici, i cavalli potrebbero apparire come ‘cloni’ ad un certo punto. Tuttavia, possiamo facilmente risolvere questo problema dipingendo segni distintivi sui cavalli: dettagli sul muso e ‘calzini’ sulle zampeI segni facciali sono fondamentalmente aree di peli bianchi che appaiono sulla testa dell’animale e che possono adottare forme e dimensioni molto diverse. Utilizza Google e digita ‘Horse mark’ per trovare alcuni esempi. D’altra parte, i ‘calzini’ per le zampe sono anche questi segni bianchi ma quando sono assenti, il cavallo sembra avere ‘calzini’ neri. Ad ogni modo, questi appaiono anche in forme e dimensioni molto diverse. Alcuni sono quasi invisibili (coroncina) mentre altri coprono quasi la metà della zampa (calza). E, soprattutto, questi segni bianchi possono apparire su uno, due, tre o quattro zampe; e possiamo sfruttare questo per aumentare la varietà all’interno della stessa unità – è popolarmente accettato che gli zoccoli dei cavalli che hanno i ‘calzini’ bianchi sono più morbidi degli zoccoli dei cavalli con i ‘calzini’ scuri; e questo è molto importante se vuoi comprare un cavallo da corsa:

“Un piede bianco, compralo.
“Due piedi bianchi provalo
” Tre piedi bianchi, dubita di lui.
“Quattro piedi bianchi fanno a meno di lui.”

¿Como evitar la monotonía?

En este artículo hemos estado hablando de como pintar colores planos, pero nada de caballos con manchas de otro color. Y por lo tanto, si usamos estos colores planos, aunque diferentes, harán que nuestros caballos parezcan en cierto modo “clones”. Pero podemos solucionar este problema fácilmente pintado marcas singulares en los caballos: marcas faciales y calcetines. Las marcas faciales son básicamente zonas de pelo blanco que aparecen en la cabeza del animal y que pueden adoptar formas y tamaños muy diferentes. Googlear “horse marking” para ver algunos ejemplos. Por otro lado, los calcetines son también zonas de pelo blanco, que cuando no están presentes puede parecer que el caballo tenga calcetines “negros”. De cualquier manera, los calcetines aparecen en formas y tamaños igualmente muy diferentes. Algunas veces el calcetín casi ni se ve, mientras que otras veces puede ocupar casi la mitad de la pata. Y más importantemente, las marcas blancas pueden aparecer en uno, dos, tres o cuatro patas; y nosotros podemos explotar esto para añadir mayor variedad (como curiosidad, popularmente se cree que las pezuñas de caballos con patas blancas son más frágiles que las de caballos con patas oscuras; de ahí que si quieres comprar un caballo de carreras mejor que no tenga calcetines blancos).

“One white foot, buy him.
“Two white feet try him
“Three white feet, doubt him.
“Four white-feet do without him.”

Thirty years war totentanzAdemás, podemos dejar el hocico del mismo color que el resto del caballo; o bien pintarlo de color negro o rosado, dependiendo del color del caballo. Por ejemplo, podemos sacar más provecho en términos de contraste si le pintamos el hocico negro a un caballo blanco. Por otro lado, los caballos de guerra que pintamos suelen tener arneses, silla de montar y / o una manta. Podemos pintar estas piezas de diferentes colores para aumentar la individualidad de cada caballo, si bien intentar no pintar cada uno de su padre y de su madre (la variedad es importante, pero siempre hasta cierto punto para evitar perder la coherencia de la unidad). Por ejemplo, normalmente yo pinto los arneses siempre de marrón beige (porque me resulta lo más sencillo), pero a veces pinto alguno de color rojo como en la unidad de abajo. Ojo, aquí he usado el color rojo porque es el color “coorporativo” requerido; pero un caballo de un soldado francés o sueco requeriría color azul.

Thirty years war totentanz Thirty years war totentanz

Espero que estos consejillos os ayuden a alguno para pintar vuestras unidades montadas. Y si tenéis cualquier otro consejo, no dudéis en compartirlo con nosotros!

Thirty years war totentanz

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.