Pintando uniformes - Painting uniforms

Ho letto commenti molto interessanti, quando ho pubblicato l’articolo ‘filosofico’ sul come dipingere le unità di cavalleria, in cui invece di discutere gli aspetti più tecnici (o ‘come a dipingere …’), mi sono concentrato sul ‘perché’: perché facciamo quello cosa facciamo. Penso che quando dipingiamo le miniature per i wargames non lo facciamo solo per il semplice fatto di dipingere, ma cerchiamo anche di raccontare una storia. E questa storia può essere basata in realtà sulla vera storia (militare), qualcosa che è reale. Pertanto, possiamo provare a trasmettere questa realtà nei nostri eserciti in miniatura. Quindi, in questo articolo vorrei discutere alcune idee sul colore delle uniformi, un argomento che può causare un mal di testa ad alcuni, soprattutto quando usiamo il colore ‘sbagliato’ (sì, sbagliato l’ho messo tra virgolette).

flames of war british

A titolo di introduzione, vorrei discutere tre idee in questo articolo. Tutte basate sulle uniformi del XX secolo e durante le operazioni militari (niente parate). Tuttavia, queste idee possono probabilmente essere adattate ad altri periodi storici. Primo, il colore di una particolare uniforme può variare notevolmente a causa di vari fattori, come la tintura o il tessuto oppure le condizioni ambientali. Secondo, durante la guerra i soldati hanno probabilmente cose più importanti di cui preoccuparsi se il colore dei pantaloni combacia con la giacca, e questo si traduce in interessanti combinazioni di colori e uniformi che possiamo sfruttare. Terzo, i soldati non sono cloni! Soprattutto prima che la “divisa” fosse introdotta alla fine del XVII secolo. In questa sezione parlerò anche di qualcosa sugli eserciti dell’antichità.

Colore uniforme: una o più opzioni?

uniforms-wargames-3

Vorrei iniziare questa sezione mostrando una foto che di solito metto quando qualcuno dice che il colore che abbiamo usato per dipingere l’uniforme non è quello giusto. Purtroppo, non conosco la fonte originale della foto, poiché è stata copiata qualche tempo fa da un altro utente che la usò con lo stesso obiettivo. La foto mostra diverse giacche nell’uniforme tedesca della seconda guerra mondiale. Tutte loro corrispondono al colore “fieldgrey” o al verde grigiastro così caratteristico dell’uniforme tedesca. Tuttavia, come si può vedere, la differenza tra i colori è immensa; anche tra le giacche della prima linea. Possiamo facilmente speculare sui motivi di questa varietà. Ad esempio, diverse industrie tessili erano incaricate di realizzare uniformi per l’esercito tedesco. E anche se sicuramente ci furono delle linee guida sul tessuto da utilizzare, la tintura e altri, la diversità tra la produzione di due fabbriche o anche tra lotti prodotti nella stessa fabbrica sarebbe difficile da evitare (succede anche oggi!). Soprattutto se prendiamo in considerazione la scarsità di risorse durante la guerra. D’altra parte, l’ambiente può facilmente modificare il colore o la trama di un tessuto. Ad esempio, la luce del sole si divide in raggi di diverse lunghezze d’onda. L’essere umano è in grado di discernere alcuni di essi (lo spettro visibile) ma non vediamo né la luce infrarossa né quella ultravioletta. E quest’ultima, la luce UV, è quella che ha più energia, essendo in grado di modificare la struttura chimica dei coloranti, con conseguente perdita di colore nei vestiti (quindi, diciamo ‘il sole scambia i colori). Infine, le conseguenze sul tessuto causate dall’uso prolungato della divisa da parte del soldato durante le operazioni, soprattutto considerando che in molte occasioni il soldato non avrebbe avuto alcun ‘ricambio’ e sarebbe stato costretto a indossare gli stessi vestiti giorno dopo giorno. E soprattutto vale la pena ricordare che ognuno di noi percepisce i colori in un modo diverso. Chiedi a qualcuno qual è il colore rosso? Per risposta possiamo solo dare degli esempi, non possiamo definirlo, poiché dipendiamo dalla nostra percezione per distinguere i colori (in realtà potremmo dire che il colore rosso è quello con una lunghezza d’onda di 618-780nm o con alcuni valori RGB (230, 0 38), ma sarebbe un po’ pedante e alla fine questa informazione non è molto intuitiva). Il fatto è che molti dei riferimenti che usiamo come guida sono illustrazioni che un artista ha realizzato. E ciò significa che ciò che stiamo vedendo è l’interpretazione dei colori dell’uniforme da parte di un’altra persona. Questo è il motivo per cui dovremmo sempre andare alle foto reali della divisa. O ancora meglio, visitare un museo e avere il pezzo di fronte ai nostri occhi. Per concludere, dobbiamo tenere presente che ci sono diversi fattori che possono modificare il colore di un tessuto; e quindi, non possiamo parlare del colore esatto di una certa uniforme. Ad esempio, ‘fieldgrey’ è un colore verde grigiastro, e puoi usare la boccetta di colore che ti piace di più per rappresentarlo, sia quella che hai sul tuo tavolo, se non vuoi comprarne un’altra, o il risultato ottenuto mischiandone diverse. Per questi motivi, nessuno dovrebbe dirti che hai usato i colori sbagliati. Stai attento a non prenderlo come un dogma. Se per dipingere il fieldgrey usi il marrone scuro , è vero che nessuno te lo impedisce, ma saresti davvero fuori strada.

Spanish CIvil War Empress

Quindi, possiamo sfruttare questi concetti quando dipingiamo le nostre miniature? Certo! Se vogliamo, possiamo dipingere la divisa delle nostre miniature con colori leggermente diversi. In effetti, questo aggiungerà un po’ di carisma al nostro esercito; e per questo motivo, ti incoraggio a farlo. Come esempio userò alcune miniature della guerra civile spagnola (Empress Miniatures, 28mm) che ho dipinto l’anno scorso, la squadra di un cannone repubblicano. L’uniforme dell’esercito repubblicano era marrone, scuro o bronzo. Dai un’occhiata alla foto: i due cannonieri sulla destra hanno un’uniforme più chiara, mentre i due sulla destra ne hanno uno più scuro (i pantaloni verdi di uno di loro sono stati catturati al nemico). La differenza tra entrambi i colori marroni non è molto evidente, ma è facilmente percepibile. Per farlo ho usato lo stesso colore di base o ombra, il Chocolate Brown; ma ho usato due colori diversi per le schiarirlo.  Per l’uniforme scura ho mescolato il marrone cioccolato con il bianco, mentre per quella più chiara ho utilizzato il colore Uniform English. Inoltre, nel secondo caso sono arrivato ad usare il colore Uniform English direttamente per applicare l’ultima lumeggiatura, mentre per l’uniforme più scura sono arrivato, al massimo, a mescolare il Brown Chocolate con il bianco in rapporto 1:1. Non ho usato il bianco puro come ultima lumeggiatura. Pertanto, per ottenere la stessa uniforme ma in diverse tonalità, possiamo fare due cose: (1) usare un colore diverso per le luci e (2) variare la quantità o l’intensità delle lumeggiature.

 

uniforms-wargames-5

 

Diverse uniformi all’interno della stessa unità

Durante la guerra, l’industria e gli approvvigionamenti sono soggetti a forti pressioni (a volte causate da bombe), il che significa che a volte gli obiettivi di produzione non sono raggiunti o non raggiungono la loro destinazione. Ad esempio, la Deutche Afrika Korp ha ripetutamente chiesto al comando centrale di inviare loro più rifornimenti, poiché la pressione britannica e la scarsità di risorse locali stavano compromettendo gravemente la sua capacità di combattimento. Tuttavia, la Germania si è concentrata su altri fronti e solo una piccola parte di ciò che è stato promesso è stato consegnato. Di conseguenza, non sarebbe stato raro trovare truppe tedesche vestite con parti di uniformi italiane o persino britanniche catturate al nemico, con il risultato di un amalgama di giacche e pantaloni di diversi colori. Possiamo fare lo stesso quando dipingiamo miniature DAK! Invece di dipingere tutte le miniature con la stessa identica uniforme, possiamo variarne i colori. E questa combinazione di colori non è solo molto sorprendente, ma soprattutto si basa su eventi reali. Ad esempio, quando ho dipinto alcune truppe DAK in 15mm (Forged in Battle) ho cercato di rappresentare questa situazione. Fondamentalmente utilizzai quattro colori: due tonalità ocra basate su English Uniform (schiarito con bianco o Desert Yellow), un marrone scuro con Brown Chocolate e un kaki o verdastro con Russian Uniform, come puoi vedere nel diagramma. E combinai questi colori per ogni modello: un pantalone di un colore e la giacca di un altro in alcuni casi, o in altri l’uniforme dello stesso colore. Inoltre, cerca di includere tutte le possibili combinazioni sulla stessa basetta. Puoi trovare una guida di pittura passo-passo per dipingere questi soldati DAK nella rivista WSS 82  (Wargames, Soldier and Strategy)

 

uniforms-wargames-4

DAK flames of warUn altro esempio può riflettere quelle situazioni in cui solo una piccola partita di nuove uniformi raggiunge un’unità. Solo alcuni soldati saranno i fortunati ad avere i nuovi vestiti, mentre gli altri dovrebbero continuare a usare quello che avevano. Ad esempio, immagina che l’inverno si avvicini e il centro approvvigionamenti più vicino invii alla nostra unità tedesca ciò che ha nel magazzino: alcuni cappotti avanzati dallo scorso inverno insieme a quelli arrivati recentemente. E forse i nuovi cappotti si differenziano per colore perché la fabbrica di turno ha cambiato colore per usarne un più accessibile dato il blocco nemico. Questa è la storia che ho immaginato (e volevo rappresentare), quando ho dipinto diversi soldati tedeschi della Heer46 (28 mm) infagottati nei loro cappotti mentre combattevano per le gelate strade di Kharkov nel 1943. Come si può vedere nelle foto, uso due colori diversi per dipingere i giacconi. Uno verde scuro e l’altro kaki. Inoltre, ho dipinto i pantaloni con tre colori diversi: lo stesso verde scuro di prima, bianco e persino uno mimetico (solo per l’ufficiale, che potrebbe averlo ottenuto di contrabbando o abusando della sua posizione). D’altra parte, ho anche dipinto gli elmetti in acciaio in due modi diversi: alcuni grigio scuro e altri con tracce della vernice bianca ‘lavabile’ che venivano utilizzati durante i mesi invernali. Quando mettiamo insieme tutte le miniature, l’unità cattura molta attenzione! Puoi trovare una guida di pittura passo-passo su come dipingere questi soldati Heer46 che combattono a Kharkov nella rivista WSS 87 .

uniforms-wargames-6

Kharkov heer46 miniatures

Un’altra storia su cui possiamo puntare potrebbe essere quella  della presenza di soldati veterani che continuano a indossare la vecchia divisa invece di quella nuova che viene data alle nuove reclute. E questo è quello che volevo rappresentare quando ho dipinto diversi soldati spagnoli del 1980 (Totentanz Miniatures): alcuni soldati veterani stavano ancora usando la vecchia uniforme color ‘ceci’, rispetto alle nuove uniformi verdi della NATO. Ho usato il beige marrone per la prima e un misto di parti uguali di Russina Uniform e e di US Uniform per la seconda, come potete vedere nel diagramma. E dal momento che alcuni veterani avrebbero anche adottato la nuova uniforme, basta dipingere un soldato su cinque nella vecchia uniforme.

uniforms-wargames-7

Totentanz Spanish army 1980

In conclusione, possiamo raccontare molte storie diverse semplicemente prestando attenzione alla divisa delle nostre miniature. Inoltre, combinando diversi colori, la nostra unità ottiene un impatto visivo maggiore. Tuttavia, non possiamo farlo in tutti i casi. Dipende dall’unità che vogliamo rappresentare e dalle circostanze storiche di quel momento. Non si tratta solo di sapere come è stata dipinta la divisa, ma di conoscere la situazione in quel momento. Questo ci dà la possibilità di immaginare situazioni che spieghino le uniformi utilizzate dalle nostre unità. Ad esempio, immagina l’esercito tedesco durante gli ultimi mesi della seconda guerra mondiale. Avrai soldati che continuano ad usare la stessa uniforme fieldgrey . Ma i vestiti mimetici erano già ampiamente utilizzati e i kampgruppen (gruppi di combattimento), raccogliendo diverse unità, si formavano e si scoglievano frequentemente. Pertanto, abbiamo una certa libertà nel combinare giacche e pantaloni mimetici (o non mimetici) in forme piuttosto varie all’interno dello stesso esercito. Non ho ancora raccontato questa storia … ma, forse, lo farò presto. E anche se qui abbiamo parlato solo di fanteria, ovviamente possiamo applicare le stesse idee quando dipingiamo veicoli. Sempre basandoci su fatti storici, possiamo combinare diversi camuffamenti nella stessa unità.

Guerrieri dell’antichità

Forged in battle

In quest’ultima sezione vorrei dire qualcosa sugli eserciti dell’antichità. Finora abbiamo visto che i soldati del XX secolo usavano più o meno la stessa uniforme. Tuttavia, un paio di millenni fa i guerrieri – non i soldati, poiché con l’eccezione dei mercenari non ricevevano un pagamento o un salario (e la parola soldato e salario derivano probabilmente dalla parola latina solidus, una moneta d’oro romana) avrebbero indossato quello che potevano. Forse l’esercito romano dovrebbe essere discusso in un’altra sezione, poiché l’industria di quell’impero era altamente sviluppata per l’epoca e lo stato sosteneva un esercito professionale. Tuttavia, un contadino africano o un cittadino di una polis greca sarebbero stati probabilmente avvolti nella stessa tunica che indossavano nella vita di tutti i giorni; e solo se abbastanza fortunati avrebbero potuto aggiudicarsi un’armatura. Ciò significa che abbiamo possibilità ‘infinite’ di dipingere il colore della tunica. Tuttavia, in realtà, non sono infinite, poiché grazie ai documenti storici sappiamo che alcuni coloranti erano molto difficili da ottenere e venivano usati solo da coloro che potevano permetterselo. Ad esempio, il viola imperiale (derivato dai molluschi chiamato Murex) usato dall’aristocrazia romana o il giallo o l’arancione (derivato dallo zafferano) usati dai ricchi. Come aneddoto, l’unità di élite persiana, gli Immortali, indossava il giallo e l’oro per dimostrare la ricchezza dell’Impero persiano durante le guerre con le polis greche. Tuttavia, i guerrieri di umili origini (che erano la maggioranza), non potevano permetterselo. Una delle opzioni più economiche era la tintura rossa o rosa derivata da licheni e piante come la rubia, o semplicemente il tessuto naturale sbiancato con il gesso. Oppure, un’altra opzione era quella di utilizzare direttamente il tessuto naturale non tinto, caratterizzato da un colore marrone o marrone chiaro. Ciò significa che se vogliamo dipingere una normale unità di guerrieri (non elite), abbiamo ancora abbastanza colori tra cui scegliere: marrone, ocra, bianco, grigio, rosso, ecc. Tuttavia, molte volte vedo unità di guerrieri con le tuniche verniciate dello stesso colore o al massimo due (occhio, che l’ho fatto anche io), perché è probabilmente molto più semplice e risparmiamo tempo. Ma così facendo abbiamo creato un ‘esercito di cloni’ quando la divisa non era ancora stata inventata! Invece, dovremmo usare un buon assortimento di colori (se i fatti storici lo consentono, ovviamente) per aumentare l’impatto visivo dell’unità. Tieni presente che non intendo dipingere ognuno dei 20 guerrieri dell’unità con una tunica di colore diverso. Ma possiamo scegliere quattro o cinque colori diversi e combinarli in vari modi. Senza contare gli accessori, dove possiamo anche variare i colori.

Gauls forged in battle

Per esempio, recentemente ho dipinto diversi Iberici e Numidi in 28mm (Victrix), dove ho usato un paio di tonalità di marrone, bianco e rosso per dipingere le tuniche. Inoltre, ho aggiunto alcuni elementi decorativi in ​​un altro colore, come una linea in basso e sulle maniche, per aumentare la varietà. Inoltre, per aumentare ulteriormente l’individualità dei guerrieri ho anche dipinto cinture e giustacuore in pelle con tre colori diversi: nero, ruggine o beige marrone. E le parti metalliche in bronzo o ferro. Ad esempio, alcuni indossano un elmo di ferro mentre altri lo indossano di bronzo. L’uniforme non esisteva in questo periodo, quindi dovremmo esaltare l’aspetto ‘casuale’ e individuale dei guerrieri. È possibile trovare una guida di pittura passo-passo di questi guerrieri iberici nella rivista WSS 86 e Numidi in WSS 88 .

iberia

D’altra parte, le miniature della Guerra dei Trent’anni (15mm, Totentanz) che ho dipinto ultimamente possono servire ad esemplificare una grande diversità di colori all’interno della stessa unità. In questo caso, ho usato alcuni colori spcifici per dipingere i vestiti. Non solo marrone, bianco e nero, ma anche rosso, giallo, blu, verde e persino viola. Ancora una volta, possiamo raccontare molte storie quando dipingiamo le nostre miniature. Per esempio, possiamo considerare la seguente storia in questo caso: durante il diciassettesimo secolo i soldati spagnoli venivano a volte pagati in ‘spezie’ perché le casse dello stato erano vuote. E a volte ciò che ricevevano era solo una ricca stoffa delle Fiandre, che permetteva ad alcuni soldati di vestire meglio di alcuni re! E questi dati storici possono essere usati per determinare come dipingere le nostre miniature. Tuttavia … Volevo raccontare una storia diversa quando ho dipinto queste miniature. Ispirato alle magnifiche opere di Ferrer-Dalmau, ho voluto ricreare un ambiente cupo, dominato dai giorni bui pienii di fuliggine e fumo nero causati dell’utilizzo della polvere da sparo. Per ottenere questa ‘atmosfera oscura’ ho utilizzato un colore marrone scuro, come il marrone cioccolato, per dipingere le ombreggiature della maggior parte dei colori: mescolare questi colori con il marrone cioccolato. Utilizzando lo stesso colore per le ombre di quasi tutti i colori ciò che otteniamo è di fatto un aspetto coerente in tutta l’unità, contribuendo a creare quella atmosfera che cercavo. È possibile trovare una guida per dipingere queste miniature QUI.

 

30yw tercios
Thirty years war tercios totentanz

Come puoi vedere, mi concentro molto sulle storie che posso raccontare. Mi piace pensare che siamo ‘narratori’ e pittori. E con le nostre miniature abbiamo l’opportunità di raccontare. Molti di noi sono amanti della storia, e fare questo genere di cose è come costruire un ponte tra il passato e il presente. Il nostro hobby è la nostra macchina del tempo personale! Come ultimo promemoria, tieni presente che puoi variare il colore delle uniformi per riflettere l’uso quotidiano e gli effetti ambientali. E se ne hai l’opportunità, ti invito a mescolare diverse uniformi all’interno della stessa unità per renderla più vistosa. Se hai un punto di vista diverso o un’idea, per favore, condividili con noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.