Due anni fa ho dipinto quello che è uno dei miei carri armati preferiti della II Guerra Mondiale (lo so, lo so, questo era solo un prototipo). È un E-25, un modello in 15mm prodotto da Khurasan Miniatures . Allo stesso tempo ho preparato una guida alla pittura per pubblicarla su una rivista.  Guida che da allora ha circolato nella mia cartella DropBox … fino a quando ho deciso di condividerla con tutti voi. Anche se nel mio blog ho già pubblicato diverse guide di pittura simili, penso che ci sia sempre qualcosa di nuovo da aggiungere e imparare. Il piccolo contributo di questo articolo è la combinazione della ‘tecnica della lacca’ e delle ‘mascherature’ per realizzare un camuffamento complesso e usurato . Spero che ti piaccia!

Pintando tanques en 15mm: tanque E25 - Painting 15mm tanks: E25 tank
Pintando tanques en 15mm: tanque E25 - Painting 15mm tanks: E25 tank

Step 1 – Preparazione

Per prima cosa eliminiamo tutte le imperfezioni del modello con una cutter e un lima da modellismo. Quindi incolliamo quei pezzi che sono essenziali, come i boccaporti. Altre parti come i cingoli, si consiglia di dipingerli separatamente perché sarà più facile lavorarli. Infine, applichiamo uno strato di primer. Il primer è essenziale non solo per facilitare la presa del colore ma anche per garantire che non sia rimosso quando applichiamo gli effetti di invecchiamento, alcuni dei quali possono essere molto ‘aggressivi’. Nel mio caso ho usato unj primer grigio perché tutti i colori, chiari o scuri, coprono ugualmente bene e non avremo bisogno di applicare molti strati di vernice per ottenere un tono uniforme.

Step 2 – Camouflage

Ho scelto di dipingere questo ‘paperpanzer’ con uno schema mimetico chiamato ‘what if’, che ho trovato in un libro di illustrazioni. Dal momento che questo panzer non è mai esistito, perché non usare anche un camuffamento ipotetico. Fondamentalmente si tratta di un camuffamento ‘tritonale’ con tre diverse sfumature di verde che formano macchie ameboidi (a forma di ameba NdT) dai contorni marcati. Anche se sembra complicato dipingerle, è in realtà abbastanza facile realizzarle con l’aerografo e alcune ‘mascherature’ di blu-tack. 

Per dipingere questo primo colore verde ho usato il colore A.MIG-915 come ombreggiatura, seguito dal colore di base Resedagrün (A.MIG-003) e infine una lumeggiatura con A.MIG-917. Il colore essenziale in questa triade è il Resedagrün. Se non hai gli altri due, puoi sempre mescolare il colore di base con il bianco per le luci e qualsiasi verde scuro o addirittura nero per le ombre. Ricorda che è sempre consigliabile diluire un po’ i colori che stiamo per spruzzare con l’aerografo per facilitare le riprese. È meglio applicare diversi strati di vernice perché è il colore è troppo diluito piuttosto che dover interrompere la sessione di pittura per pulire l’aerografo che si è intasato.

Ora possiamo fare qualcosa di interessante, allo stesso tempo abbastanza realistico: scheggiando gli altri due colori verdi rimanenti, dove esponiamo il colore verde chiaro originale. Lo faremo usando il ‘Chipping fluid’ dell’AMMO o la tecnica della lacca . Ma prima dobbiamo applicare uno strato di vernice satinata per proteggere la vernice che abbiamo dato. Una volta che la vernice è asciutta, mettiamo un po’ di chipping fluid direttamente nella tazza dell’aerografo e applichiamo un mano all’intero veicolo. In questo articolo troverai maggiori informazioni su questa tecnica. Dopo alcuni minuti, possiamo iniziare a lavorare sui seguenti passaggi del camuffamento.

Dobbiamo fare in fretta. Abbiamo applicato la vernice e non vogliamo che si asciughi troppo altrimenti sarà difficile per noi creare gli effetti della scheggiatura. Per creare un camuffamento dai contorni netti possiamo usare mascherature realizzate con nastro adesivo per modellismo, carta o stucco autoadesivo (come Blu-Tack , mastici o stucchi per modellismo). In questo caso, si consiglia di usare il più possibile un mastice autoadesivo, date le irregolarità della superficie e le forme leggermente complicate che vogliamo realizzare. Inoltre, preferisco usare Blu-Tack prima degli altri mastici perché ha una maggiore forza adesiva e si fissa meglio. Per creare le mascherature mettiamo un pezzo di stucco e lo modelliamo mentre lo appicciamo alla superficie con il manico di un pennello. Dai un’occhiata alla foto. Tieni presente che dobbiamo pensare ‘in negativo’: ciò che stiamo coprendo NON sarà dipinto, ma conserverà il colore che abbiamo già dato. Inoltre, ricorda che dobbiamo ancora dipingere altri DUE colori. E se vogliamo che tutti le ‘macchie’ occupino lo stesso volume, ora dovremo lasciare un sacco di spazio scoperto.

Ora applichiamo il secondo colore mimetico, un verde più scuro. Per questo colore ho deciso di utilizzare Olivgrün (A.MIG-003) , che ho schirito mescolandolo con A.MIG-917 in parti uguali. In questo caso non ho applicato alcuna ombra. Ancora una volta, ricorda di diluire le vernici con il loro diluente. Le vernici diluite ci permettono anche di creare transizioni più graduali. Quando applichiamo le luci in questo secondo colore, dobbiamo ricordare come sono state date all’inizio, e seguiremo esattamente lo stesso schema: metteremo le luci in quelle aree che abbiamo precedentemente illuminato. In ogni pannello tutte le luci devono seguire lo stesso orientamento!

Ripetiamo lo stesso processo di mascheramento, ricordando che tutti i colori dovrebbero occupare più o meno la stessa superficie. Cerca di non muovere troppo le prime maschere.

Alla fine dipingiamo il colore più scuro del camuffamento. Nel mio caso ho usato il colore verde oliva (XF-58 Tamiya), che ho illuminato schiarendolo con un po’ di A.MIG-917. Ancora una volta, non ho applicato ombre. Ricorda di nuovo lo schema di lumeggiatura che abbiamo seguito.

Ora inizia il divertimento. Rimuovere il Blu-Tack tirando delicatamente il mastice. Sfortunatamente, a volte possiamo prendere un po ‘di vernice. Non ti preoccupare!! Prova a riparare il danno con un po’ di vernice e un pennello. Più tardi lo copriremo meglio quando dipingeremo gli effetti dell’invecchiamento.

Sebbene il chippin fluid rimanga attivo per diverse ore, non è consigliabile aspettare molto. Una volta che abbiamo eliminato lo stucco dal veicolo, possiamo iniziare a fare le ‘scrostature’. Per farle dobbiamo reidratare il liquido per il ‘chipping’. Possiamo mettere un po’ d’acqua sulla superficie con un pennello e poi usiamo uno stuzzicadenti per rimuovere delicatamente la vernice dalle macchie del camuffamento in modo casuale, anche se seguendo la logica. È meglio lavorare a poco a poco e per zone. Prima una zona, e quando è pronta, passiamo alla successiva. 

Dopo aver terminato gli effetti del ‘chipping’, abbiamo iniziato a dipingere i cingoli e i tubi di scappamento con un pennello. Per i cingoli possiamo usare un marrone medio come il Track Primer di Vallejo (304); mentre per i bruchi, un tono di ossido come il marrone compagno di Vallejo (984). Ora, prima di iniziare con gli effetti dell’invecchiamento, è il momento di applicare le decalcomanie o usare gli stencil per i segni unitari e gli anagrammi. Infine, prima di iniziare a utilizzare gli smalti utilizzati nelle tecniche di invecchiamento, applichiamo un nuovo strato di vernice satinata per proteggere ciò che abbiamo appena fatto. Come nota aggiuntiva, nota che ho dipinto una delle ruote del carrello del primer rosso, usando un colpo marrone opaco con l’aerografo.

Step – Invecchiamento

Il primo passo per “portare alla vita” il nostro serbatoio è quello di evidenziare tutti gli angoli e le fessure. Per fare questo, possiamo usare un lavaggio o un lavaggio. Invece di applicare il lavaggio in tutto il veicolo, ciò che faremo è applicare un “lavaggio a spillo” che deve essere applicato al lavaggio solo nelle scanalature con l’aiuto di un pennello sottile. Per questo lavaggio è consigliabile usare una vernice tipo smalto. Anche se richiedono alcune ore per asciugare, sono molto facili da applicare; e, cosa più importante, possiamo eliminare gli eccessi più tardi, cosa che non potremmo mai fare con una vernice acrilica. In questo caso ho usato un lavaggio marrone scuro da AMMO.

Dopo aver atteso circa un’ora, possiamo iniziare a rimuovere lo smalto in eccesso. Possiamo usare un pennello o un tampone inumidito con lo spirito bianco, con il quale stiamo dando passaggi per eliminare gli eccessi. È interessante dare i passaggi verticalmente (o nella direzione della gravità) per creare effetti drenanti allo stesso tempo. Se abbiamo trascorso rimuovere lo smalto si può sempre prendere un pennello e ridisegnare l’area con vernice acrilica (non dover attendere per un lavaggio a secco nuovo livello, che sarebbe anche un’opzione). In ogni caso, rivedo sempre la fine con vernice acrilica per assicurarmi che TUTTO il veicolo sia delineato correttamente.

Ora possiamo iniziare a lavorare su uno degli effetti di usura più interessanti, gli effetti di chipping e scratch. Per questo scopo useremo vernici acriliche. Possiamo eseguirli in due fasi: (1) usiamo un colore chiaro per rappresentare i graffi superficiali (possiamo mescolare il colore originale con il bianco) e poi (2) usiamo un colore scuro per rappresentare quei chip che hanno esposto il metallo (per esempio , A.MIG-044 o Dark Oxide 302 di Vallejo). Per dipingerli preferisco usare un pennello sottile. La tecnica della spugna può essere molto utile, ma il nostro controllo è minimo. Questa tecnica consiste nell’usare un pezzo di spugna (da blister miniaturizzati) che immergiamo nella prima luce e poi nella pittura scura, quindi eliminiamo l’eccesso in un foglio e finalmente iniziamo a “beccare” il nostro serbatoio. Al contrario, con il pennello stiamo gradualmente dipingendo le patatine e i graffi a nostro piacimento e dove vogliamo. Prova entrambi e decidi cosa ti piace di più. In ogni caso, ricorda due cose quando dipingi le patatine: a questa scala questi segni devono essere MOLTO PICCOLI, non creare grossi pezzi. E in secondo luogo, ricorda “a volte meno è più”. Non sprecare mettendo i pezzi. E in secondo luogo, ricorda “a volte meno è più”. Non sprecare mettendo i pezzi. E in secondo luogo, ricorda “a volte meno è più”. Non sprecare mettendo pezzi.

Per rappresentare lo sporco e la tipica usura o corrosione possiamo applicare alcuni effetti drenanti. Ancora una volta usiamo smalti perché possiamo facilmente “fondere” questa vernice con un po ‘di solvente per creare stringhe molto realistiche. Per rappresentare i vuoti ho usato tre o quattro colori diversi: ad esempio, un marrone per simulare una schifezza, un altro beige per polvere simile, uno rossastro per la ruggine, ecc. L’idea è combinare più tonalità per ottenere una maggiore ricchezza cromatica e infine un maggiore realismo. Per realizzare questo effetto, dobbiamo solo dipingere linee sui pannelli verticali (= gravità) con tutti i colori che vogliamo.

Dopo aver atteso per circa cinque minuti possiamo iniziare a “fondere” le linee che stanno per rappresentare quelle drenate con un’ampia spazzola piatta inumidita con solvente. E stiamo dando colpi verticali per sfocare l’effetto. Non preoccuparti se prendiamo praticamente tutta la vernice. L’idea è di creare effetti drenanti molto bene. Inoltre, possiamo ripetere il processo tutte le volte che vogliamo in modo che i drenati assumano intensità; e, allo stesso tempo, lavorare un po ‘svuotati singolarmente: con un pennello sottile modelliamo con attenzione il drenaggio, senza rimuovere appena la vernice. Questi effetti individuali sono molto sorprendenti, quindi non dovremmo abusarne (di solito ne faccio almeno tre in tutta la macchina!). Come con il cippato, non dovremmo andare oltre.

In questa foto puoi vedere il risultato finale dopo aver applicato un paio di strati di generale sgocciolato e aver lavorato un po ‘di più individualmente. La varietà è molto importante! Non cadiamo nella ripetizione.

Se ricordi, abbiamo solo lavorato su superfici verticali. Ma per quanto riguarda gli orizzontali? Ora possiamo usare gli stessi smalti che abbiamo usato in precedenza per rappresentare l’accumulo di sporco o corrosione intorno agli elementi che abbiamo su superfici orizzontali, come i boccaporti. Abbiamo messo un po ‘di vernice attorno al dettaglio, e dopo 5 minuti, abbiamo fuso i bordi della macchia con un po’ di solvente.

Un altro effetto interessante che possiamo fare è polvere o sabbia, che possiamo rappresentare con i pigmenti. Esistono diversi modi per utilizzare i pigmenti. Nel mio caso, ho applicato come l’inchiostro: ho diluito coppia di toni dei pigmenti marroni con acqua ragia e poi ho applicato il lavaggio nel sottoscocca e intorno i dettagli nei pannelli orizzontali, come si può vedere nelle foto

I pigmenti impiegano alcune ore per asciugarsi. E non possiamo continuare finché non saranno completamente asciutti. Una volta che sono asciutti, l’effetto è simile a quello della foto. Facile, non abbiamo caricato il veicolo!

Ora dobbiamo ammorbidire l’effetto con un batuffolo di cotone. Con questo strumento eliminiamo una buona parte del pigmento, passando sempre delicatamente sul veicolo. La grazia è che le aree attorno ai dettagli sono inaccessibili al batuffolo di cotone, dal momento che il pigmento si accumula. Perfetto! Nel caso delle gonne laterali fondiamo solo la parte superiore, lasciando l’accumulo di pigmento nella parte inferiore. Molto meglio ora, giusto?

Finalmente possiamo aggiungere alcuni effetti splash. Per non ripetere, puoi dare un’occhiata a questo tutorial in cui utilizzo proprio questo serbatoio per spiegare come fare questo effetto.

Step 4 – Caterpillars

Se ricordi, abbiamo dipinto le catene con un colore marrone e poi applicato un lavaggio rossastro. Ora è il momento di aggiungere alcuni effetti di polvere. Usiamo la stessa miscela di pigmenti che hanno precedentemente diluito con White Spirit e dell’intero embadurnamos traccia (in realtà, anche se mi spiego in due diverse sezioni, che facciamo questo mentre quando lavoriamo il telaio). Questi pigmenti rappresenteranno la polvere o lo sporco accumulato nel sottocarro. Non aver paura e sii generoso quando applichi i pigmenti. Come abbiamo visto prima, una volta che lo spirito bianco è completamente evaporato, usiamo un cotton fioc per rimuovere il pigmento in eccesso.

Per dipingere o rappresentare il metallo possiamo usare una matita di grafite. Lo applichiamo solo per i rilievi dei bruchi, usandolo come una canzone. Questo effetto è molto semplice da fare e allo stesso tempo è abbastanza realistico, come puoi vedere nella foto. Ora, il nostro serbatoio è pronto a rotolare. Mentre è vero che non applicando una vernice alla fine finiremo sicuramente per rovinare gli effetti di schizzi e polvere. Ora possiamo applicare una vernice, ma tieni presente che rovineremo gli effetti dei pigmenti: i pigmenti si reidratano con la vernice e saranno molto più scuri. Un’alternativa è usare “fissatore pigmento” al posto dello spirito bianco quando diluiamo i pigmenti.

Galleria

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation to Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.