Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

Ho preparato un terzo videotutorial, questa volta, su un veicolo tedesco. Per l’occasione scelsi un Paperpanzer, il Jagdpanzer E-50, della casa tedesca Heer46 . Avendo molti bordi e pannelli ampi e lisci, questo veicolo è un esempio perfetto per praticare la tecnica della ‘modulazione’. Lo schema del camouflage proviene dal libro del 1945 German Colors di AK Interactive (pagina 61), ideale come fonte di ispirazione per dipingere questo tipo di veicolo. E approfittando dei riferimenti alla gamma ‘colori reali’ (RAL) indicati nel libro, ho anche usato il set che hanno prodotto (AK 554 German Late Colors set).

Durante i tre video (circa in totale 40 minuti) ho provato a fare una dimostrazione di tutte le tecniche che uso di solito per dipingere i miei veicoli, oltre a provarne alcune nuove. Mi spiace che il processo è molto complicato, ma non riesco a pensare a un altro modo per descriverlo! Inoltre, vorrei chiarire che, quello che cerco con il mio stile, è che i carri armati da 15 mm risaltano molto per essere in grado di visualizzarli chiaramente quando giochiamo. E questo, sfortunatamente, viene spesso fatto a scapito del realismo.

Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

PARTE 1 – Modulazione

1. Abbiamo dipinto il Dunkelgelb in quattro fasi:

  • Ombreggiatura: Dunkelgelb Dark Base (AK 005)
  • Base: AK 005 + Dunkelgelb Light Base (AK 007), stessa proporzione
  • 1a luce: AK 007
  • 2a luce: DGIII Dunkelgelb (AK 714)

2. Per il camuffamento coprire le aree che si vogliono lasciare con il colore base con il stucco autoadesivo o Blue Tack (oppure con altro materiale equivalente come il nastro adesivo per modellismo) 
3. Dipingi il Resedagrün (verde) in due passaggi :

  • Base: Olivgrün shadow AK 171
  • Luce: RAL RAL6011B AK 716

4. Eliminiamo Blu-Tack
5.    Applichiamo protettivo lucido
6.    Inseriamo le decalcomanie con Micro Set (liquidi appositi per le decalcomanie)/strong>
7.    Applichiamo protettivo satinato

Il punto cruciale del primo video, senza dubbio, è la tecnica della modulazione. Questa tecnica consiste nell’utilizzare più punti luce differenti. Questo ci consentirà di lavorare ogni pannello in modo personalizzato, potendo applicare il proprio gioco di luci e ombre, differenziandolo chiaramente dai pannelli adiacenti. Quindi, passiamo al pannello di lavoro. Personalmente, ritengo che uno dei trucchi più importanti di questa tecnica in 15mm (1/100) risieda in un buon lavoro di mascheramento. Se vogliamo che ogni pannello abbia il proprio set di luci e ombre, sarà necessario evitare che quando lo dipingiamo, ‘sporchiamo’ un altro pannello. Per questo possiamo utilizzare tre strumenti: stucco autoadesivo (Blu-Tack), nastro adesivo o un semplice pezzo di carta. Il Blu-Tack è utile per mascherare alcuni elementi che hanno una forma geometrica complicata o molto rilievo, ma nel resto dei casi, è preferibile usare il nastro o la carta, principalmente perché sono completamente dritti. Fai attenzione con il nastro che usi, perché se hai troppa colla può ‘staccare’ via la vernice in seguito. L’idea è di usare il nastro / la carta per coprire i pannelli adiacenti mentre dipingiamo il pannello che ci interessa.

Un altro trucco per la modulazione è determinare dove applicare le luci e le ombre . Quando si considerano più punti di luce, le possibilità sono enormi. Nel mio caso, mi piace che la luce di un pannello si sovrapponga all’ombra di un altro (guarda la parte anteriore del veicolo), con la quale possiamo migliorare l’effetto di contrasto. E infine, il terzo trucco è ‘accentuare’ le luci e / o le ombre, per migliorare ulteriormente il contrasto. Personalmente, mi piace iniziare dal colore scuro (ombra) e lavorare solo le luci. A priori, questo è il punto più irreale di tutti. Tuttavia, anche se il risultato sembra molto esagerato, dobbiamo tenere a mente che quando lavoriamo con filtri e lavaggi scuriremo l’intera superficie. Alla fine, il contrasto sarà abbastanza attenuato. Pertanto, se non lo accentuiamo, corriamo il rischio che alla fine quasi nessun lavoro di modulazione sarà apprezzato.

Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

Per quanto riguarda i colori che ho usato, ripeto che ho basato sul set tedesco Late Color (AK 554) . Il camuffamento avrebbe una base di RAL7028 Dunkelbelg DGIII (AK714) e ‘striature’ di RAL6011 B Resedagrün (AK716). Ma per arrivare a ricreare la modulazione, avevo bisogno di altri colori più scuri. Un’opzione sarebbe quella di mescolare ogni colore con un marrone scuro (per il giallo) o con il nero (per il verde). Tuttavia, per salvarmi i mix (sempre ingombranti), ho optato per fare affidamento su altri due set di modulazione: AK 552 (tedesco Dunkelgelb) e AK 167 (tedesco Green & Brown), da dove ho preso i colori che mi avrebbero fatto ombra e colore intermedio. In ogni caso, la ‘lumeggiatura finale’ sarebbe data dal colore reale del camouflage (il RAL sopra menzionato). Nel caso dei cannoni, ho aggiunto un’interessante nota di colore per dipingere alcuni dettagli in ‘rosso scafo’ (il colore del originario dato alla lamiera del carro armato), che richiamerà molta attenzione grazie al contrasto con il camuffamento bitonale giallo-verde. E per questo, ho usato il RAL8017 Schokobraun (AK718) come ombra e il Rotbraun RAL8012 (AK718) come luce.

Il resto dei passaggi sono già stati spiegati nei post precedenti: mascheramenti mimetici con Blu-Tack e come inserire adesivi . Nota: se volessimo creare un camuffamento tritonale, dovremmo semplicemente ripetere il processo di aggiunta di Blu-Tack dopo aver dipinto il verde, e successivamente il marrone. Se sei interessato, nella rivista Breaking War nº2 c’è un tutorial abbastanza illustrativo per dipingere tritonal camouflages.

PARTE 2 – Usura e danni del tempo

8. Applicare due / tre strati di un filtro marrone (AK 076) 
Attendere 15-20 minuti tra ogni strato
Attendere tutta la notte prima di continuare
9.    Evidenziamo i particolari con una ‘lavatura’ di WASH NATO AK 075
Attendere 30-60 min
10. Eliminare l’eccesso inchiostro con un pennello bagnato nel solvente
11. Se serve ritocchiamo la ‘lavatura’ servendoci di pennello e colore
12. Occupiamoci delle scrostature (chipping) servendoci di pennello e spugna (il colore usato è AK 711)
13. Diamo profondità alle scrostature evidenziandole con Iraqui Sand (819, Vallejo)
14. Effetti di striature di ruggine utilizzando il colore AK 013 
15. Sfumiamo le striature con White Spirit

Poi faremo gli effetti dell’invecchiamento: filtri, lavaggi, scheggiature e drenaggi , per i quali preferiremmo usare oli o smalti (eccetto che per la scheggiatura), poiché avendo un tempo di asciugatura di diverse ore possiamo lavorare più comodamente. Il quinto effetto dell’invecchiamento saranno i pigmenti , ma lo lasciamo per il terzo capitolo.

In questo post puoi trovare ulteriori informazioni su filtri e lavaggi. Quando scegliamo un filtro, dobbiamo considerare i colori del nostro modello e l’effetto che vogliamo ottenere. Nel mio caso uso sempre un filtro marrone, come il FILTER NATO (AK 076), poiché mi piace servirmene per ricreare gli effetti dello sporco accumulato e degli effetti di lieve ‘colatura’. Possiamo dare tutti gli strati di filtro che vogliamo, considerando che con ogni nuovo livello l’intensità aumenterà. Di solito ne do due, al massimo tre, con un intervallo tra ogni strato di filtro di 15-20 minuti. Se non aspettiamo, quando diamo il nuovo livello corriamo il rischio di trascinare e prendere il livello precedente, perdendo l’effetto cumulativo. Ora, uno degli obiettivi di un filtro è quello di omogeneizzare la superficie, quindi faremmo esattamente l’opposto di quello che abbiamo cercato con la modulazione (differenziare i pannelli). Pertanto, devi stare attento con il colore del filtro e il numero di strati. Allo stesso modo, una volta che ho finito di applicare il filtro, di solito lascio asciugare il modello per tutta la notte.

Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

Il giorno seguente inizio con il secondo effetto, una ‘lavatura’ con WASH NATO (AK 075). Nel mio caso, non applico il lavaggio su tutta la superficie, ma lo applico in modo selettivo concentrandomi nelle fessure e sui diversi dettagli . Il problema di applicarlo alla rinfusa è che possiamo oscurare eccessivamente il veicolo. Ancora una volta, aspetto che si asciughi per circa 30-60 minuti e poi rimuovo l’eccesso con un pennello inumidito nel solvente . Inoltre, approfitto anche del lavaggio per creare nuovi effetti di sporco, dirigendo l’inchiostro in eccesso ispirandomi al principio della ‘forza di gravità’. Un handicap nel lavorare con miniature così piccole è che anche i dettagli sono piccoli. Pertanto, eliminando l’inchiostro in eccesso, probabilmente elimineremo buona parte del profilo che abbiamo appena realizzato. Pertanto, la prossima cosa che faccio è rivedere tutta la ‘evidenziazione’ con i colori acrilici. Di nuovo, stiamo peccando nel realismo. Questa evidenziazione è molto irreale (tra due lastre saldate NON vediamo una linea nera), ma se vogliamo migliorare l’effetto su questa scala, la profilatura è una buona risorsa.

Il terzo effetto, la ‘scrostatura’ o chipping , l’ho già spiegato più volte nel blog , quindi non lo ripeterò. E l’ultimo effetto dell’invecchiamento (per ora) saranno gli effetti dello sporco. Questi effetti possono essere fatti con due prodotti: acrilici (si asciugano in pochi secondi) o smalti / oli (impiegano ore per asciugare). Fino ad ora li ho fatti con acrilici, ma il lavoro è abbastanza complicato asciugandosi così velocemente (un trucco è quello di diluire molto la vernice e andare strato per strato per guadagnare intensità, mantenendo così il controllo in ogni momento). Per questo motivo, ora sono passato agli smalti, poiché dopo aver impiegato parecchie ore per asciugarsi possiamo giocare con loro, e persino ‘cancellarli’ se non ci piace. Per fare questo, applichiamo semplicemente la vernice dove siamo interessati: ricreando scolature dalle linee verticali e attorno ad alcuni dettagli (dove si accumulerebbe lo sporco), non importa se ‘sbaviamo’. Successivamente, con un pennello inumidito nel solvente, aggiustiamo ogni singola ‘striatura’ e dettaglio, eliminando l’eccesso e sfumando le estremità. Nel caso di questo modello, per amalgamare il le leggere striature di marrone (dal filtro) e le striature di nero (dall’inchiostro della ‘lavatura’), ho usato un colore ruggine, (AK 013).

PARTE 3 – Cingoli e dettagli

 

16. Dipingiamo con acrilici i diversi dettagli: strumenti, viste, ecc. .
17. Dipingi i cingoli in cinque passaggi:

  • Base con Track Primer (304 PA Vallejo)
  • Pennello asciutto o drybrush con Gunmetal Grey (863 Vallejo)
  • ‘Lavatura’ con Track Wash (AK 083)
  • Effetti della polvere con il filtro Afrika Korps (AK 065)
  • Diamo profondità alle ruote con AK 075

18. Applicare i pigmenti sui cingoli e sulla parte inferiore del veicolo 
19. Applicare vernice opaca

Infine, sarebbero a dipingere i cingoli e applicare l’effetto finale di invecchiamento con i pigmenti (Non voglio entrare nel merito della questione di strumenti e altri dettagli, perché non è un gran mistero). Anche se in questo tutorial ho lasciato i cingoli alla fine, possiamo effettivamente dipingerli in parallelo. Dopo aver ‘primerizzato’ i cingoli con un colore marrone chiaro e dando un tocco metallico con un pennello asciutto, aggiungeremo profondità applicando un lavaggio. Per questo useremo un lavaggio marrone, come il Track WASH (AK 083) che servirà per ‘ossidare’ il metallo e dargli un tocco di polvere e sporco. Inoltre, possiamo ‘sporcare’ le ruote con lo stesso lavaggio (in maniera casuale ma non alla rinfusa ) e con un altro colore più chiaro come l’Afrika Korps filtro (AK 065). Più colori usiamo, maggiore è la varietà cromatica che otteniamo . Poiché il risultato mi ha deluso un pochino (troppo ‘piatto’), ho deciso di evidenziare alcuni dettagli con un lavaggio quasi nero (AK 075), guadagnando così più profondità nelle ruote.

Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

Infine, ci sarebbe da aggiungere i pigmenti . Ho già parlato prima di loro, ma in questo caso ho cambiato un poco la metodologia. Per prima cosa ho preparato una pasta liquida (abbastanza liquida da applicare con un pennello) mescolando un pigmento marrone / ocra, come la il ‘Ruggine’ (AK 085), con solvente. La consistenza sarebbe come quella del formaggio fuso (non mi sono mai piaciute queste analogie …). In seguito, lo sto semplicemente applicando alla rinfusa sui cingoli, e in modo selettivo sulle ruote e sul lato inferiore del veicolo, con particolare attenzione ai parafanghi. Nel caso dei cingoli, lascio asciugare completamente il pigmento e con il dito lo sfrego per rimuoverlo dalle zone più esposte, dove si vedrà il colore metallico. Ma nel caso del basso, basta applicarlo, ‘caricare’ il pennello di solvente e passarlo sull’area interessata. Poi gioco un poco con il pennello per sfumare il pigmento e creare altri effetti, come il fango accumulato.

Videotutorial - Como pintar tanques alemanes (15mm) How to paint German Tanks (15mm)

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this Italian translation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.