In più di un’occasione ho commentato come dipingere le mimetiche con l’uso del Blu-Tack . Ma ci sono alternative al Blu-Tack, come la maschera liquida. Nell’articolo successivo cercherò di condividere le mie esperienze con questo prodotto. Per illustrare questo tutorial, ho usato un autoblindo Bilbao della Miniature Minairons .

La maschera liquida è molto simile a qualsiasi dei nostri colori, quindi possiamo applicarla comodamente con un pennello, cosa impensabile con il Blu-Tack. Questo, senza dubbio, ci offre un nuovo mondo di possibilità, poiché con la maschera liquida possiamo dare le mascherature nel modo che vogliamo. Inoltre, un altro vantaggio, è che, comparativamente, lo spessore della maschera sarà molto più sottile rispetto a quando usiamo il Blu-Tack, quindi eviteremo possibili errori creando false ombreggiature (se la mascheratura è troppo spessa / sollevata o spruzziamo con l’aerografo da un angolatura sbagliata, possiamo lasciare un’area scoperta non dipinta, poiché è coperta dal Blu-Tack).

Nel mio caso ho usato una boccetta di Vallejo (70.523), anche se parlano molto bene del Maskol della Humbrol. Per applicare la mascheratura seguiamo la stessa procedura come con qualsiasi colore: prima scuotiamo con forza la boccetta, poi versiamo un po’ di prodotto sulla tavolozza e, infine, applichiamo uno strato generoso di mascheratura sul nostro modello. Anche in questo caso, la difficoltà di lavorare con la mascheratura sta nel pensare ‘in negativo’ , vale a dire, dobbiamo pensare in senso inverso, perché ciò che copriamo è ciò che non sarà verniciato, mantenendo il colore originale. È molto importante tenere presente che le pennellate che applichiamo con la mascheratura copriranno quelle aree che non cambieranno colore.

Il tempo di asciugatura è di circa 15-20 minuti e lo identificheremo perché la maschera ha perso un po’ di colore lattiginoso. Tuttavia, se lo strato che abbiamo dato è molto spesso, probabilmente non perde quel colore (la parte interna non finisce di asciugare). Uno degli errori che ho fatto è stato quello di applicare uno strato di mascheratura molto sottile, dal momento che quando l’ho rimosso il risultato non era quello sperato. Pertanto, è consigliabile che la nostra maschera abbia un poco di spessore in modo che quando si tira su un lato, siamo in grado di andare a tirare il resto senza rompere.

Nel caso di questo esempio ho deciso di dipingere un camuffamento ‘tritonale’: verde, marrone e giallo sulla base grigio-verde. Pertanto, una volta che il colore grigio-verde è stato dipinto, abbiamo iniziato ad applicare la maschera liquida, ma attenzione, dato che dobbiamo mettere tre colori (verde, marrone e giallo), dovremo esporre le aree che sono abbastanza grandi per contenere tutti loro i colori del camuffamento. E lavoriamo in sequenza, a colori:

Base color> mask > camouflage 1> mask > camouflage 2 …

Alla fine, una volta che abbiamo finito di dipingere tutti i colori del camouflage, passiamo alla rimozione della maschera. L’ideale è usare uno stuzzicadenti su cui far rotolare la maschera che stiamo rimuovendo. Se abbiamo un pezzo che non si è staccato, possiamo approfittare del fatto che la maschera, come il Blu-Tack, è autoadesiva. Pertanto, con i resti che abbiamo sullo stuzzicadenti possiamo “attaccarci” e tirare i frammenti che non si sono staccati. Se non riusciamo, possiamo sempre usare un altro stuzzicadenti o un altro oggetto appuntito.

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation to Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.