Senza dubbio, il mondo dei camuffamenti è enorme, così come il modo di ricrearli. Di recente ho pubblicato una articolo che spiega come utilizzare la  maschera liquida per ricreare il camouflage con bordi ‘netti’ . E in precedenza, ho anche parlato di camuffamenti usando lo stucco autoadesivo (Blu-Tack) e ho spiegato il mio primo approccio con il nastro per mascheratura – o nastro adesivo -, sfruttando il camuffamento Caunter usato dall’esercito britannico . L’obiettivo di questa nuova voce è quello di cercare di spiegare in dettaglio come ricreare camuffamenti dirompenti, scheggiati o digitali usando il nastro adesivo, ora che ho acquisito più esperienza nel suo utilizzo. Le miniature che illustrano questo tutorial sono veicoli in 10 mm del marchio Spartan Games .

Innanzitutto, è molto importante tenere conto del materiale che useremo per la mascheratura. Un’alternativa molto economica al nastro per mascheratura è il nastro per carrozziere utilizzato dai pittori, che possiamo trovare anche nei negozi cinesi. Tuttavia, il nastro per carrozziere ha diversi inconvenienti: il suo adesivo non regge molto (subito dopo il fissaggio inizia a sollevarsi), è rigido e difficile da gestire (è particolarmente problematico se abbiamo molte superfici in rilievo) e, infine, è in grado di staccarci la vernice quando lo rimuoviamo. Tuttavia, quest’ultimo può succederci anche con i nastri per mascheratura ‘professionali’. Inizialmente, se abbiamo applicato correttamente lo strato di primer, non dovremmo avere questo problema. Per me, il primo problema è il più preoccupante, perché se il nastro non è in grado di rimanere correttamente fissato, rovinerà il mascheramento. Pertanto, sebbene siano più costosi, preferisco usare nastri per mascheratura per modellismo, come quelli di Tamiya.

Possiamo trovare nastri di diverse larghezze. Alcuni sono migliori di altri a seconda di quello che vogliamo fare. Tuttavia, ne uso solo uno, dello spessore di 1 cm, e con questo mi diverto.  Ad esempio, per creare una macchia a forma di triangolo taglio tre pezzi di nastro e li incollo, sovrapposti alle estremità, in modo da lasciare un triangolo nel mezzo. Un altro esempio, nel caso della riproduzione di un camuffamento digitale, taglio sempre tre pezzi: ne incollo due ad angolo retto e l’ultimo, lo taglio a forma di scala e lo posiziono alla base degli altri due (come nella foto sopra). Tuttavia, se utilizziamo un nastro per mascheratura più largo, possiamo ritagliare, ‘al suo interno’, la forma che ci interessa e quindi incollarlo sulla superficie. E poiché è adesivo, possiamo adattarlo ai rilievi. In ogni caso, possiamo riciclare i pezzi di nastro che tagliamo, poiché contiene molto adesivo. Fai attenzione a non correre rischi. Se vediamo che fa fatica a staccarsi, ne tagliamo uno nuovo. Un’altra opzione sarebbe quella di utilizzare un pezzo di carta e ritagliarla a misura per ogni punto geometrico. Ma questo è praticabile solo per grandi aree. In piccole scale, come questa, se lo facciamo non saremo in grado di coprire correttamente i rilievi e potremmo ‘saltare’ la vernice, rovinando il camuffamento.

A mio avviso, l’utilità di questo tipo di mascheramento è ricreare un camuffamento con punti geometrici, cioè punti con bordi completamente dritti e vertici nitidi. Ad esempio, nel camuffamento inglese Caunter Scheme ciò che si cerca è creare profili di tre colori, uno sopra l’altro, disegnando linee rette diagonali. Nel caso del camuffamento digitale o pixel (tanto di  moda oggi), ciò che interessa è dipingere piccoli quadrati. Oppure, nel caso dell’esempio di questo tutorial, possiamo rappresentare un camuffamento di ispirazione futuristica che simula fulmini o schegge basati su triangoli di forme e dimensioni diverse. Ovviamente, per realizzare questo tipo di mimetizzazione possiamo usare direttamente un pennello. Tuttavia, se utilizziamo un aerografo, il lavoro sarà molto più veloce e la finitura sarà più pulita (rendere le linee completamente dritte con un pennello è complicato!). E, cosa ancora più importante, se lavoriamo con un aerografo, possiamo applicare tecniche come la modulazione o la pannellatura in ogni punto del camuffamento.

In sintesi, se vogliamo un camuffamento di bordi netti (non sfumati) e vogliamo lavorare con forme geometriche, il nastro per mascheratura è il nostro strumento migliore.

Per dipingere il veicolo che serve da esempio in questo tutorial ho usato alcuni nuovi colori della Badger (marchio riconosciuto dai suoi aerografi),  Modello Flex e la verità è che mi sono piaciuti molto. La composizione mi ricorda molto le vernici Vallejo Model Air e può essere applicata direttamente dalla boccetta, senza diluirle con nulla. Inoltre, coprono abbastanza bene (anche il bianco) e non mi hanno dato problemi con l’aerografo (che temevo di assomigliare a quelli di Model Air). Colgo l’occasione per spiegare come ho dipinto il colore bianco in questi veicoli, poiché suppongo che qualcuno possa essere interessato. L’idea è quella di creare un effetto di pannellatura uniforme (o modulazione), ma nel caso del bianco possiamo lavorare solo le ombre. Personalmente, invece di dipingere prima il bianco e poi le ombre, preferisco farlo al contrario. Per prima cosa dipingo l’intero veicolo in grigio neutro con Primer grigio (16-12, modello Flex). Poi, per dipingere il bianco, diluisco il colore bianco antico (16-06, modello FLex) con un po’ d’acqua e inizio a dipingere i pannelli. Poiché ho diluito la vernice, coprirà meno, quindi, se vogliamo un tono bianco più intenso, dovremo fare diversi passaggi. Pertanto, regolando il numero di passaggi che applicheremo, saremo in grado di ricreare un effetto graduale per simulare le luci e le ombre. Quindi, per il camuffamento, ho cercato un blu acciaio, come il Bomber Blue (16-93, modello Flex).

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.