daoiz y velarde monteleon

Il 2 maggio 1808 fu il giorno in cui il popolo spagnolo, nella capitale dell’Impero spagnolo, decise di sollevarsi in armi contro l’invasore francese. Quel giorno è diventato il “Giorno dell’Indipendenza” della Spagna (tranne che in Catalogna, dove apparentemente per alcune decine di anni ha ricevuto una ‘lavata di faccia’ ed è stato ribattezzato “Guerra contro i francesi” …). Una delle vicissitudini più significative di quel giorno, e che occupa un posto speciale nel patrimonio culturale di Madrid, è la difesa del parco di artiglieria di Monteleón (o delle Meraviglie), diretto dai capitani Daoíz e Velarde. Una manciata di soldati e diverse centinaia di civili sono diventati forti nel parco e si sono suicidati contro l’esercito imperiale francese sotto il comando del maresciallo Murat.

Usato fino alla nausea sia in ambito politico che per scopi diversi, vale la pena ricordare che questo episodio non è stato solo la rivolta di alcuni poveri e ignoranti. Aristocratici e intellettuali per lo più rimasero al caldo nelle loro case dopo aver istituito il blocco, mentre quegli ignoranti si gettarono su quello che vedevano come un oppressore e morirono per le strade di Madrid. Più tardi, tutti allo stesso modo – poveri e ricchi, ignoranti e intellettuali – sarebbero stati toccati mettendo in mostra il loro patriottismo. Curioso doveva essere il dilemma interno dell’intellettuale che vedeva l’invasione francese come portatrice del tanto sospirato Illuminismo, ma si trovò nella condizione di dover scegliere tra impugnare il fucile ed espellere l’invasore (portatore dell’Illuminismo), o affrontare il suo vicino “ignorante”. Ma ovviamente, questa situazione cambiò quando i soprusi compiuti dai francesi superarono il limite, perché a chiunque quando gli uccidono la madre senza motivo, si smuove qualcosa dentro. In un modo o nell’altro, dopo la guerra, la Spagna fu molto colpita. Una buona parte degli illuministi – molti marchiati come francesi – fu costretta ad andare in esilio, proprio in quegli anni in cui la Spagna aveva bisogno di menti più che mai brillanti per compensare i disastri di Ferdinando VII salito al trono dopo la guerra.

In occasione della nuova copertina della rivista Wargames: Soldiers & Strategy (La Spagna nelle guerre napoleoniche), questo è il mio piccolo omaggio a quegli uomini e donne che si sono battuti  per quel che credevano quel lontano 2 maggio di un paio di secoli fa.  

daoiz y velarde monteleon

Storia e ispirazione

Di quei giorni sono stati scritti fiumi di inchiostro che puoi facilmente trovare su Internet. Ma vorrei lasciare qui il magnifico lavoro del tenente colonnello del Genio Militare José Manuel Guerrero Acosta, che descrive attentamente ciò che è accaduto quel giorno e sfata diversi miti. Pubblicato sulla rivista di storia militaree caricato in rete dall’Associazione dei volontari di Madrid, puoi leggere l’articolo qui. Un altro articolo dello stesso autore, che fa riferimento a uniformi e bandiere, è abbastanza illustrativo e puoi leggerlo qui. Purtroppo, ho trovato l’Associazione e questi lavori una volta che il diorama era quasi finito; e come vedrai, questo ha avuto le sue conseguenze. Ne approfitto per ringraziare l’Associazione dei Volontari di Madrid per l’esemplare scambio di informazioni e l’aiuto ricevuto.

Quando si è tratto di ricreare il diorama, le mie principali fonti di ispirazione sono state letterarie e pittoriche. La lettura, altamente raccomandata se ti piace il periodo, sono ‘Los Episodios Nacionales’ di Benito Pérez Galdós (1873) e ‘Un giorno di collera’  di Arturo Pérez Reverte (2007). Per quanto riguarda i riferimenti pittorici, sotto forma di dipinti ad olio, ho dato un’occhiata alle opere di Leonardo Alenza e Nieto (1835), Joaquín Sorolla (1884) e Manuel Castellano (1862 e 1864). Di particolare importanza sono stati questi nel ricreare la porta e nella scelta dei colori per le miniature. Tuttavia, come avrai notato, questi lavori non furono eseguiti durante o subito dopo la Guerra d’Indipendenza. Inoltre, molti non erano ancora nati. Ciò significa che parte di ciò che è rappresentato sulle tele potrebbe rappresentare più il lato artistico che il lato storico, come vedremo più avanti.

 

daoiz y velarde monteleon

Cominciamo con l’arco d’ingresso. Nel 1868 il parco, in stato di abbandono, viene demolito e il terreno venne urbanizzato. L’anno seguente, l’arco dell’ingresso del parco fu restaurato al centro di una piazza (battezzata come Plaza de dos de Mayo), dove si trova accanto a una scultura di Antonio Solá del 1822 che rappresenta gli eroi di quel giorno L’arco restaurato oggi mostra un portico in mattoni a vista, sebbene questo si scontri con le opere pittoriche sopra menzionate, dove le pareti dell’arco appaiono completamente stuccate. Inoltre, in questa stampa di un contemporaneo dell’epoca, Tomás López Enguídanos, si può apprezzare lo stucco. In una fotografia del 1868 (prima che il parco fosse demolito) si può vedere che una parte dell’arco è intonacata (la parte bianca) e una parte è in mattoni. Per ulteriori informazioni sull’arco, consiglio questo magnifico articolo. Poiché l’arco è stato riparato / restaurato più volte, alla fine ho deciso di seguire ciò che era rappresentato sulle tele e sulla stampa: ho simulato uno stucco generale (con alcune aree usurate).

Particolare attenzione viene data alla porta: nelle stampe e nelle tele appare intatta. Tuttavia, le memorie del tenente cubano Rafael de Arango (pubblicato nel 1837, puoi leggerle qui), testimone dei fatti, indicano che la porta è stata distrutta nel primo assalto. All’arrivo iniziale dei francesi nel parco, gli spagnoli restarono in silenzio. Quando i soldati dell’esercito francese tentarono di forzare la porta, i cannoni situati nel cortile e di fronte alla porta aprirono il fuoco dopo l’ordine di Daoiz, supportati dal fuoco della fucileria che sparava da balconi e finestre. Dopo il ritiro dei francesi, Daoíz ordinò di aprire la porta, ormai in frantumi, e portare fuori tre dei cannoni all’esterno (un quarto rimase all’interno del cortile). Per tale motivo, ho deciso di rappresentare la porta in frantumi e sospesa alle cerniere.

daoiz y velarde monteleon

Per quanto riguarda le divise, inizieremo con i famosi ufficiali. La giacca con cui morì Daoíz fu recuperata quando il suo corpo fu riesumato nel 1814 e oggi è conservata, restaurata, nel museo dell’esercito. Di colore blu turchese, conserva ancora gli squarci delle baionette che posero fine alla sua vita. Il corpo di Velarde, sepolto accanto a quello di Daoíz, apparentemente fu trovato in abiti civili. Secondo le cronache, il corpo di Velarde fu spogliato e profanato dalle truppe francesi, e quando fu recuperato dai madrileni, fu avvolto in una tenda da campo e poi vestito con un abito francescano. O forse nella confusione del momento, fu sepolto il corpo di un contadino invece di Velarde, come sottolinea questo articolo della Difesa. Il cappotto di Velarde avrebbe potuto essere verde (con un inserti viola), proprio come il quello che è stato donato da un privato al museo dell’esercito nazionale qualche anno fa. Di seguito   , vi lascio due ritratti nel Museo dell’Esercito: Daoíz a sinistra con il suo cappotto blu turchese e Velarde a destra con il suo cappotto verde.

daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleon

A proposito delle uniformi, nel parco c’erano circa 10 cannonieri e una mezza dozzina di ufficiali e sottufficiali, oltre a Daoíz, del 3o reggimento, 2a brigata del parco, 3a compagnia del corpo di artiglieria. Accanto a questi, ci sarebbero circa trenta fucilieri della 3a compagnia del 2o battaglione del reggimento dei volontari di stato. In base alle ordinanze del 1805, l’uniforme del Corpo di artiglieria contemplava un un bicorno,  una giubba blu turchese con risvolti e inserti cremisi e calzoni turchesi o bianchi, come mostra  questa foto di alcuni interpreti di rappresentazioni storiche di Malaga. Leggendo José Manuel Guerrero Acosta, l’uniforme dei Volontari di Stato corrisponderebbe probabilmente a quella del primo reggimento denominato Volontari di Madrid, che consiste in un’uniforme bianca con risvolti e inserti cremisi, come descritto qui. Questi soldati indossavano il bicorno, come si può vedere nella stampa di Enguídanos menzionata sopra. Tuttavia, questo contrasta con i soldati spagnoli rappresentati sulle tele, che sembrano indossare un’uniforme blu turchese e sciaccò. Ciò corrisponde più all’uniforme del secondo reggimento di Volontari, fratello del primo, in blu turchese con inserti e risvolti cremisi, come descritto qui. L’Associazione dei Volontari di Madrid e il lavoro di Guerrero indicano l’uniforme bianca per i difensori del parco.

Tuttavia, ho deciso di dipingere l’uniforme blu per una ragione un po ‘banale: inizialmente mi ero basato principalmente sul lavoro di Sorolla (soldati con l’uniforme turchese e lo sciaccò), e solo quando il diorama era quasi finito che ho incontrato l’Associazione Volontari di Madrid e il lavoro del tenente Guerrero, e quindi, ho trovato le informazioni che ho messo sopra sull’uniforme bianca e sul bicorno. Ma era troppo tardi perché avevo solo soldati con sciaccò. Mea culpa per non aver indagato più seriamente prima di acquistare le miniature. La divisa corretta sarebbe stata bianca con bicorno. In ogni caso, qui lascio una tabella di colori per dipingere i colori dominanti dell’uniforme dei soldati spagnoli (in questo caso del secondo reggimento di volontari e artiglieria).

 

daoiz y velarde monteleon

daoiz y velarde monteleon

Nel parco ci sarebbero state solo cinque cannoni montati sui loro fusti, dalle otto alle quattro libbre. Per determinare il colore del fusto del cannone, ho usato come fonte un altro gruppo di rappresentazione storica, l’Associazione storico-culturale “The Royal Green Jackets” con sede a nord. Come puoi vedere, il fusto è dipinto di un colore tendente al turco molto chiaro. Per dipingere la canna, ho iniziato a dipingere l’intero pezzo con una miscela di Azul periscopes (309, Vallejo) e bianco nella stessa proporzione (1: 1). Dopo aver evidenziato le ombre con un lavaggio di inchiostro nero con lo shade Nuln oil di Citadel, ho ripreso il colore iniziale e ho applicato una luce aggiungendo un po ‘più di bianco (1: 2, due bianco una di blu). Per ottenere il colore ‘turchetizzato’ sotto ho usato un Oli Brush AMMO verde e diluito la vernice con white spirit.

daoiz y velarde monteleonD’altra parte, gli ultimi personaggi, ma non meno importanti, della giornata furono i cittadini. Diverse centinaia di civili, tra cui donne, si unirono ai soldati nella difesa del parco di artiglieria. Armati principalmente di pietre, lame e coltelli, molti di loro furono dotati di armi da fuoco quando l’arsenale fu aperto per ordine di Daoíz. Tuttavia, la maggioranza, ignorante nell’uso delle armi da fuoco, preferì usare armi bianche. Ad esempio, molti, apparentemente, avrebbero rimosso le baionette dei fucili per usarli come coltelli. I civili, come puoi immaginare, non indossavano un’uniforme . Come dettaglio, la cintura era molto comune sia come accessorio sia per tenere i pantaloni.

daoiz y velarde monteleon

Riferimenti e collegamenti di interesse:

  • Arango, Rafael de (1837). 2 maggio Dimostrazione degli eventi del Parco dell’artiglieria a Madrid. Pubblicato online nel 2008 dalla Biblioteca Virtuale Miguel De Cervantes. Link.
  • Biblioteca digitale: raccolta di documenti e immagini in occasione del bicentenario della Guerra d’Indipendenza. Biblioteca virtuale Miguel de Cervantes. Link.
  • Rivista Army of Earth: Bicentennial of the War of Independence (I). Maggio 2008, Anno LXVIII. N. 805. Ministero della Difesa. Link.
  • Guerrero Acosta, José Manuel (2008). Che cosa è successo nella difesa del Parco Monteleón? Link grazie all’Associazione Volontari di Madrid.
  • Guerrero Acosta, José Manuel (¿). Per religione, patria e re: vinci o muori. Bandiere e stendardi dei Volontari di Madrid (1808-1816). Link grazie all’Associazione Volontari di Madrid.

Costruzione della porta

Sulla base dei riferimenti sopra esposti, mio ​​fratello era responsabile della progettazione della porta con l’arco e parte del muro. Abbiamo deciso di posizionare la porta trasversalmente per dare alla scena un pò di dinamismo. La porta non è completa, ma manca della sua parte destra. Mio fratello ha preparato la panoramica completa della porta con Adobe Indesign usando una miniatura come riferimento per le misure. Il gruppo di Warbases era incaricato di trasformare il disegno in realtà ritagliandolo in legno MDF da 2 mm, inclusa la magnifica grata ad arco in metallo. Mentre mi godevo alcuni giorni in spiaggia, mio ​​fratello mi ha fatto il favore di montare la porta incollando le diverse parti con una collaa bianca. Ha anche preparato le porte (complete) con legno di balsa, che ha poi rotto in piccoli pezzi.

You can download the blue prints here:

Scarico diagramma

daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleonPer creare il tetto del muro e della porta ho usato uno dei magnifici strumenti del mondo Greenstuff, un fustellatore per rimuovere le tegole da una lamina di stagno. La fustellatrice rimuove le piastrelle piane. Per dargli l’aspetto curvo, ho semplicemente premuto la piastrella piatta sul manico cilindrico di un pennello. Per creare il tetto, ho prima incollato le piastrelle tre per tre con cianoacrilato. Quindi, ho iniziato a montare il tetto mettendo prima una serie di piastrelle con l’interno rivolto verso l’alto (piastrella a canale), e poi un’altra serie di piastrelle sottosopra (coperta). Alla fine, ho finito il bordo superiore e lo scolo delle acque con una copertura (linea di piastrelle). Riempi gli spazi vuoti con stucco verde per simulare la malta. Ho provato a incollare alcune piastrelle in modo irregolare per dare un po ‘più di “realismo”.

daoiz y velarde monteleonPer creare la trama delle pareti ho usato per la prima volta lo stucco verde per: 1) scolpire alcuni mattoni nel muro con una spatola e 2) usando uno dei rulli testurizzati della  Greenstuff World per scolpire la parte inferiore. Una volta asciutto, per ricreare l’effetto patinato ho usato una delle boccette texture di Vallejo, la pietra bianca (26211), che ho esteso con una spatola di forma irregolare in due strati successivi. Infine, per creare la trama del suolo ho usato lo stesso metodo che ho ripetutamente spiegato nel blog.

daoiz y velarde monteleon

Per dare alla porta un po ‘più di dettaglio, e in base alle stampe e alle tele, ho aggiunto rinforzi in metallo con PVC da 1 mm e stucco verde. Per le cerniere ho effettivamente usato delle piastrelle di stagno rimanenti a cui ho dato loro la forma corretta. Non li ho ancora attaccati al diorama.

daoiz y velarde monteleon

Pittura

In primo luogo applicare una generosa mano di primer grigio AMMO con il mio aerografo, Renegade Krome Badger.

 

daoiz y velarde monteleon

Per dipingere il diorama ho continuato con l’aerografo. Per dipingere il pavimento ho usato successivamente due colori marroni: Chocolate Brown 872 (Vallejo) e Yellow Ochre 931 (Vallejo), applicati in modo leggermente casuale per creare sfumature diverse. Per le pareti imbiancate, per prima cosa ho usato l’ocra gialla per evidenziare i recessi, e poi con il bianco ho dipinto il resto. Nel caso dei tetti, ho prima dipinto tutte le piastrelle con Matt Brown (984, Vallejo) e poi ho sfumato diverse tonalità con Orange Brown (982, Vallejo). Poi sono passato al pennello e usando la vernice sempre molto diluita (3 gocce d’acqua per ogni vernice) ho usato diverse tonalità di grigio per dipingere il mattonato inferiore e diverse tonalità rossastre o ocra per dipingere le piastrelle e i mattoni. Ho dipinto la recinzione metallica con Oxido Oscuro (302, Vallejo) e ho tirato fuori luccichi metallici con una matita di grafite.

daoiz y velarde monteleon

Dopo aver coperto il set con vernice satinata con l’aiuto dell’aerografo, la prima cosa che ho fatto è stata evidenziare i recessi del mattonato inferiore e il tetto con un lavaggio smalto marrone scuro di AMMO. Dopo aver atteso un’ora, ho rimosso il lavaggio in eccesso con un pennello inumidito con solvente.

daoiz y velarde monteleon

Per aggiungere più varietà di colori, ho usato diversi oli AMMO. In primo luogo, ho applicato piccoli punti di tonalità diverse (tonalità scure nelle aree che voglio scurire e chiare nelle aree che voglio schiarire), quindi le ho fuse con una spazzola piatta inumidita con solvente dando tratti verticali. Aggiunge anche toni verdi per simulare il verde sul fondo e sulle piastrelle.

daoiz y velarde monteleondaoiz y velarde monteleon

Per dipingere le porte ho usato il German C. Extra Dark Green 896 (Vallejo), che ho applicato con una spugna direttamente sul legno (la porta non l’ha stampata!). L’idea era di rappresentare la vernice scheggiata. Una volta asciutto, già con un pennello e una vernice molto diluita, ho iniziato a lavorare ogni pannello individualmente con diverse sfumature di verde mescolate al bianco. Ho mantenuto il colore originale del legno in quelle aree rotte. Per aggiungere più varietà di colore, ho nuovamente usato gli oli AMMO per cambiare il tono di alcuni pannelli. Per quanto riguarda i rinforzi e le cerniere in metallo, le ho dipinte prima di Dark Oxide (302, Vallejo) e poi ho lavato con Matt Brown.

daoiz y velarde monteleon

Con lo stesso concetto, per aggiungere un po’ più di colore alla base, ho usato un paio di filtri AMMO. Ad esempio, con un filtro verde ho lavorato il fondo del mattonato e il terreno per simulare il verde. Ho fatto lo stesso con le tegole.

daoiz y velarde monteleon

Per simulare l’effetto dei mattoni vecchi ho usato i pigmenti. Ho usato un paio di toni marroni che ho mescolato e sciolto con lo white spirit per creare una sorta di inchiostro, che ho usato per imbrattare i ciottoli e i mattoni. Una volta asciutto, con un pennello ho rimosso il pigmento in eccesso.

daoiz y velarde monteleondaoiz y velarde monteleon

E qui potete ammirarlo finito. Tuttavia, per dimostrare l’importanza della critica, quando ho illustrato la vignetta in un gruppo di pittura di Telegram mi hanno detto che la scena era un po’ piatta. E avevano ragione. Quindi, seguendo il consiglio ricevuto, ho messo una profilatura bianca sul muro con oli e pigmenti verdi sulle piastrelle. L’idea era di ottenere più contrasto.

daoiz y velarde monteleon

Foto del diorama

daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleon daoiz y velarde monteleon

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.