Nel novembre 1940 l’esercito britannico lanciò un nuovo camuffamento ( ordine generale 297 ) basato su uno schema a tre colori noto come ” Caunter Scheme ” e applicato su molti AFV (come Stuart M3 Honey e Matilda II) e veicoli leggeri. Il camuffamento è costituito da una base di Portland Stone e linee angolari con grigio argento / azzurro-grigio e ardesia (ardesia) / verde kaki. Per ricrearlo ho trovato una marca di colori acrilici, colori DOA, che vende i tre colori già pronti: pietra chiara, grigio argento e ardesia (dal più chiaro al più scuro). La qualità della vernice è abbastanza buona: coprono bene e sono simili a quelli della Model Air quando li si utilizza direttamente senza diluirli, ma la resa è un po’ satinata anche se ho agitato bene le boccette (forse di un vecchio lotto). L’ho risolto quando ho dato le ombre e le luci mescolando questi colori con quelli opachi di Tamiya.

Innanzitutto applichiamo il colore di base Light Stone su tutta il veicolo e senza mascherature. Quindi applichiamo le luci mescolando il colore di base con il bianco. Come ho indicato prima, ho mescolato questi dipinti con quelli di Tamiya e ho risolto il problema del ‘satinatura’. Nel mio caso ho applicato tre luci, ogni volta con una proporzione maggiore di bianco e cercando sempre i pannelli con la più alta incidenza di luce (tenendo conto della fonte di luce che consideriamo). Per completare il colore di base è sufficiente applicare un’ombra. Un suggerimento, quando si tratta di scurire bisogna dimenticare che il nero è la panacea delle ombre, principalmente perché in natura il nero non esiste, sono sempre colori derivati derivati. Preferisco usare un marrone scuro come ombra piuttosto che nero, poiché il grigio che avremmo ottenuto (mescolando la sabbia di colore con il nero) sarebbe molto diverso dal colore con cui stiamo lavorando e potrebbe distorcere il risultato. Dobbiamo pensare che stiamo lavorando con superfici molto piccole in cui un leggero cambiamento di colore, sebbene limitato a un’area, può compromettere l’aspetto del tutto.

Con questo, per le ombre mescolo la Light Stone con Brown (Tamiya X-9) diluito generosamente con solvente Tamiya. L’obiettivo di diluirlo così tanto è che quando lo si applica, c’è solo uno strato sottile che copre a malapena, in modo che possiamo giocare con il numero di strati, e quindi, con l’intensità finale. Tuttavia, il problema di diluirlo così tanto è la possibilità di generare “zampe di ragno” (tipico di una vernice eccessivamente diluita). Pertanto, è consigliabile prima di dipingere il nostro pezzo per esercitarsi su una carta o un tovagliolo e verificare che la diluizione sia corretta. Questo problema può anche essere risolto abbassando la pressione di uscita del nostro compressore.

Ora applicheremo il secondo colore per il quale dovremo mascherare il veicolo. Quando mascheriamo, dobbiamo pensare in negativo, cioè ciò che stiamo coprendo è ciò che NON dipingeremo con il nuovo tono (e qui parla la voce dell’esperienza). Nel mio caso ho usato un nastro da 1 cm di Tamiya, ma il nastro adesivo da palestra è un’alternativa molto economica. L’idea è di dipingere con il nuovo colore praticamente a metà del veicolo: ai lati il ​​taglio sarà diagonale e in alto ospita quasi l’intera vettura fino alla griglia del motore posteriore compresa (per capire quale parte dovrebbe essere verniciata, meglio guarda le foto) Il colore Silver Grey della confezione di questo marchio mi è sembrato troppo chiaro quando l’ho applicato, quindi ho deciso di mescolarlo con il suo fratello più scuro, lo Slate . Questa miscela 1: 1 sembrava molto più adatta e facile da lumeggiare (l’altro tono essendo così leggero poteva a malapena sopportare una lumeggiatura). Con questo, applica un paio di luci aggiungendo bianco al colore di base e come ombre ho mescolato l’ ardesia con un po’ di nero. In questo caso stiamo lavorando con un grigio, quindi il nero è l’opzione più ovvia. Nel caso della torretta, sarà solo necessario mascherare parte della canna.

Alla fine, rimane il colore più scuro, l’ardesia, che in questo caso andrà solo in cima alla torretta. Per fare questo, dovremo mascherare l’intera torretta e lasciare solo questa area. Come nel caso precedente, applico un paio di luci aggiungendo bianco e un’ombra con un po’ di nero. Tuttavia, il risultato del camuffamento non è stato come previsto, poiché il colore intermedio e quest’ultimo difficilmente differiscono. Probabilmente sarebbe stato consigliabile aggiungere un po’ di nero all’ardesia per scurirlo, non come un’ombra, ma come colore di base. Infine, resta solo l’applicazione delle decalcomanie e i dettagli e usura .

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.