Molte persone decidono di non dipingere gli scudi in questa scala a causa della loro difficoltà. In questo articolo cercherò di dimostrare come sia in realtà abbastanza semplice dipingerli, dove tutto ciò che serve è un po’ di pazienza (che non guasta!).

Per illustrare l’articolo userò uno scudo romano del Primo Impero (miniature di Corvus Belli), anche se in sostanza le stesse indicazioni valgono per ogni tipo di scudo.

 

Di solito ‘attacco’ il retro dello scudo a un supporto, (il tappo di una boccetta di colore va benissimo) tralasciando il retro. Quindi, partiamo con il primer nero. Questo colore è il più consigliato in questa scala, poiché ci consente di risparmiare successivi lavori di profilazione, anche se dovremo dare più strati per coprire la superficie.

Quindi dipingeremo il colore di base dello scudo, che in questo caso sarà rosso. Se utilizziamo direttamente un rosso opaco dovremo dare centinaia di strati, quindi è consigliabile utilizzare un colore intermedio, come Red Brown (982, Vallejo). Un’altra opzione ancora migliore, dal momento che risparmiamo lavoro, sarà quella di utilizzare come base una miscela di marrone opaco e rosso opaco in parti uguali. Quindi, con un paio di strati di Matt Red avremo la superficie dipinta. In questo caso non ci sarebbero luci, ma negli scudi senza bordo metallico ci dovrebbero essere. Per questo aggiungiamo bianco o giallo al colore di base (ad es. Per blu, ++ bianco; per verde, ++ giallo, ecc.). E dipingiamo i bordi.

Successivamente dipingeremo le parti metalliche dello scudo. Per fare questo, applichiamo una profilatura (75% nero opaco + 25% acqua) ed evidenziamo le aree metalliche con una linea sottile, cioè i bordi. Quindi dipingeremo il metallo:

-Ferro: direttamente con Silver Mithril (Citadel) dipingiamo tutte le parti metalliche, in particolare rispettando la profilatura che abbiamo dato in precedenza. Per oscurarlo, utilizziamo filtri e profilature nere nelle aree scure (di solito la ‘base’ del pezzo di metallo da dipingere. Ad esempio, al centro dello scudo romano, attorno all’umbone). 
– Bronzo: realizziamo una miscela di Oro brunito (Citadel) + Marrone Opaco (984, Vallejo) in parti uguali. Per scurirlo usiamo brown wash o flesh wash (Citadel) su tutta la superficie, concentrando principalmente la vernice nelle zone d’ombra. Aggiungiamo alla miscela iniziale Silver Mithril per lumeggiare. Quindi, diamo fino a due lumeggiature. Infine, con il nero opaco usato come filtro, e con la profilatura termineremo evidenziando le ombre.

Ultimo tocco, rivediamo la profilazione nera nel caso in cui l’abbiamo saltata ad un certo punto (anche nelle migliori famiglie succede).

Una volta dipinto tutto lo scudo di base, inizieremo con il disegno o il motivo. In questo caso, ho optato per uno dei tipici romani: 4 ali alternate a 4 raggi, con 2 punte di freccia a partire dalla placca centrale.

 

La prima cosa che faremo è usare un colore scuro che funge da base per il disegno. Questo colore dovrebbe essere abbastanza scuro da risaltare sul colore di base, ma allo stesso tempo abbastanza leggero da non contrastare eccessivamente con il colore finale del disegno. Ad esempio, nel mio scudo il colore di base è rosso contro un color crema finale, quindi un marrone opaco sarebbe il più appropriato. In altri casi, sarebbe il colore di base più un po’ di nero (ad es. in verde, blu, ecc.). Quindi, con un pennello fine (ma prendi abbastanza vernice!) Disegneremo l’intero disegno:

  1.  

Frecce: due triangolini con la punta quasi a contatto con l’estremità superiore dello scudo

  1. Ali: la sagoma dell’ala. Due su ciascun lato, ognuna a partire dal centro della placca. Innanzitutto, la parte superiore viene dipinta come una linea esponenziale che ‘curva’ a metà della lunghezza totale, quindi continua in linea retta. Successivamente, la parte inferiore è una curva che unisce entrambe le parti. Lo sfondo è dipinto. Un altro modo più semplice per la parte superiore è di dipingere un’altra linea curva (come quella inferiore) ma con una pendenza più piccola.
  2. Saetta: questo di solito è il più complicato, perché se non abbiamo posizionato bene le ali non ci sarà spazio! È un disegno ‘merlato’ che termina con una punta di freccia. Dovrebbe essere diagonale alla placca centrale, a partire da ogni angolo.

Quindi dipingeremo un tono intermedio, che si avvicina al colore finale. Nel nostro caso il colore finale sarà un crema, quindi come tono intermedio ho scelto Iraqui Sand (819, Vallejo). Con questo colore dipingeremo il disegno finale:

  1. Punte della freccia:dipingeremo linee oblique. 
  2. Ali:la prima cosa sarà dipingere quattro cerchi o sfere alla base dell’ala, nella zona più vicina alla placca centrale. Quindi, nello spazio rimanente dipingeremo linee curve, seguendo la forma curva dell’ala, quante ne entrano (specialmente quelle superiori e inferiori, che delimitano il disegno). 
  3. Saette: dipingeremo direttamente con la Iraqui Sand tutto ciò che dipingiamo con il colore di base. Prova a dipingere nella zona interna del colore di base, cioè lascia un piccolo profilo scuro, in modo che il disegno sia ancora più prominente. Se sbagli, puoi sempre ritoccare.

 

Per finire il disegno, diamo una profilatura al disegno se necessario e applichiamo l’ultimo colore, che sarà come una luce. Per fare questo, mescoliamo Iraqui Sand + bianco opaco in parti uguali e applichiamo la miscela alle aree più esterne del disegno (ad es. l’ala: un punto in ogni cerchio e una piccola linea alla fine di ogni linea curva).

Quindi dovremmo dipingere il retro dello scudo (ad esempio marrone con venature, nero, ecc.). E infine, incollalo nella figura.

In ModelBrush ho recentemente pubblicato questa altra versione:

 

How to paint shields

How to paint shields

How to paint shields

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.