L’ultima cosa che ho dipinto è stata una batteria di quattro pezzi di artiglieria tedeschi per Flames of war. L’idea era di dipingerla rapidamente e senza complicazioni, quindi usa ancora una volta il metodo: aerografo + lavaggi + filtro. Come colore di base usa il giallo Panzer di Model Air, che lascia una sfumatura verdognola. Invece di applicare il camuffamento con l’aerografo, ho deciso di farlo a mano (più velocemente), sulla base di linee irregolari con Refractory Green.

Oltre a questo, ho anche dovuto dipingere un paio di 88 cannoni Flak tedeschi (2 basi con Flak + 3 veicoli + 2 Flaks mobili). Ne approfitto e spiego quali sono i passaggi che ho seguito (molto simili a quelli che ho spiegato per dipingere il Puma) per dipingere l’artiglieria e i Flak.

Aerografo

Come base per l’artiglieria ho usato Panzer Yellow (Model Air) e ho applicato un paio di luci mescolando con il bianco. Questo colore è abbastanza verdastro, quindi nelle miniature future non so se lo userò. Preferisco il colore più giallastro / marrone di Tamiya o Gunze’s Dunkelbeg che utilizzo nel caso dei Flaks. Per il camuffamento ho deciso di dipingere piccoli punti (non costa molto lavoro e sembrano abbastanza buoni). Per quelli marroni ho usato Chocolate Brown (Tamiya) e per il verde Refractory Green (Model Color + Diluente di Tamiya). Nel caso del verde ho avuto qualche problema con la diluizione della vernice nel solvente. Apparentemente, è meglio diluire la vernice acrilica in acqua + etanolo, piuttosto che in un solvente per vernice aerografo. Uso questo colore perché non ho Olive Green di Tamiya,

Lavaggi

Essendo una base marrone chiaro usa il Dark Wash di MIG PRODUTIONS (davvero, è l’unico che ho!). L’inchiostro servirà a scurire la figura negli angoli, nelle griglie e in altre aree. È costituito da una miscela di acqua (o solvente) + vernice, in un rapporto 4: 1 rispettivamente. Esistono diversi modi per applicarlo, il più normale è usarlo come lavaggio, applicandolo generosamente su tutta la superficie. In questa occasione, l’ho usato in un altro modo: lo applico specificamente nelle aree che desidero.

Per usare l’inchiostro in questo modo devi usare un piccolo pennello a punta tonda bagnato nel colore, ma NON CARICATO! Cioè, quando bagni il pennello nella vernice, devi rimuovere l’eccesso su un pezzo di carta (attenzione a non rimuovere tutto il colore se no non copriamo nulla)

Per applicarlo, non devi aspettare fino a quando la vernice da sola per capillarità copre le aree (anche se questo dipenderà dall’area, ad esempio in una griglia che ci interessa), poiché ciò indica che il pennello è estremamente bagnato. Si tratta di disegnare linee su bassorilievi, bordi, ecc. (Come qualsiasi ombra normale). Devi dare il più centrato possibile, da allora l’inchiostro si diffonde. Se andiamo oltre e il pennello è molto umido, la vernice si diffonderà troppo, rovinando l’area.

Se viene applicato nell’altro modo, generosamente, si utilizza un pennello grande e piatto ben carico di vernice. L’inchiostro stesso verrà disperso e posizionato nei recessi e nelle aree d’ombra. Né dovrebbe essere applicato in eccesso, poiché troppa vernice può accumularsi in un’area.

Filtri

Simile a un inchiostro, ma più diluito: una proporzione di solvente / acqua al 90% e vernice al 10%. Si tratta di modificare leggermente il tono di una superficie. Viene utilizzato un pennello piatto e spesso inumidito (non caricato), che viene applicato su tutta la superficie. È molto importante che non sia allagato, poiché non è un inchiostro (ha pochissima vernice), quindi può lasciare effetti indesiderati, anche satinando la superficie). Vengono dati diversi strati, in attesa che si asciughi dopo ogni applicazione, fino ad ottenere il colore desiderato.

Special thanks to Luigi Sabino from the Modelstorming association (Villa Raspa di Spoltore, PE; Italy) for this translation into Italian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.